Media

QUESTA SERA IN DIRETTA I DIVERSITY MEDIA AWARDS 2018 - UNISCONO TV, STAMPA, WEB CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

 

23 maggio dalle ore 20.30 dal Teatro Vetra di Milano, in diretta streaming a rete unificata. La serata è condotta da Fabio Canino e Diana Del Bufalo.

Invitato speciale Guglielmo Scilla (Willwoosh)

Tra gli ospiti Paola Cortellesi, Brunori Sas, The Jackal, Emilio Solfrizzi,
Ubaldo Pantani, Michela Murgia, Riccardo Milani, Ghemon, Andrea Delogu, Salvatore Esposito, Vladimir Luxuria, Bouchra, Giulio Forges Davanzati, Immanuel Casto, Filippo Carossino, Fabio Troiano

Grandi ospiti delle istituzioni, dell’economia, dello sport, dello spettacolo e della cultura, i principali broadcaster e media Italiani, importanti aziende: l’adesione ai valori inclusivi dei Diversity Media Awards 2018 si rinnova per il terzo anno consecutivo e amplifica la sua voce grazie al supporto delle testate e dei network televisivi italiani che trasmetteranno la serata in streaming per la prima volta a Rete Unificata (TRULive), sui propri canali web e social, dalle ore 20.30 il 23 maggio dal Teatro Vetra di Milano.

Paola Cortellesi, Immanuel Casto, Brunori Sas, Emilio Solfrizzi, Roberto Vecchioni, The Jackal, Andrea Delogu, Salvatore Esposito, Ghemon, Ubaldo Pantani, Stella Jean, Vladimir Luxuria, Bouchra, Riccardo Milani, Giulio Forges Davanzati, Filippo Carossino, Fabio Troiano, Annagaia Marchioro, Iconize, Loretta Grace, Martina Dell’Ombra, Gnambox, Shanti Lives, Cleo Toms, Pepitosa: sono solo alcuni tra i protagonisti dei Diversity Media Awards 2018, il charity show condotto da Fabio Canino e Diana Del Bufalo con Guglielmo Scilla, in arte Willwoosh, come inviato speciale, che vedrà premiati i personaggi e i contenuti media scelti dal voto popolare online su www.diversitylab.it.

La diretta streaming sarà Trasmessa a Rete Unificata (TRULive) grazie all’adesione dei principali network televisivi e media italiani che, contro ogni forma di discriminazione, trasmetteranno la serata in streaming sui propri canali web e social. Tra i primi a dire di sì: corriere.it, repubblica.it, ilfattoquotidiano.it, ilmessaggero.it, iodonna.it, tustyle.it, gay.it, tvserial.it, ItaliaOnline, NanoPress, RAI, SKY TG24, Discovery, Smemoranda, American Express, Ambasciata del Canada, Lierac, DigitalGut, Assocom, Vodafone.

Chiunque può trasmettere l’evento partecipando alla condivisione (http://www.diversitylab.it/dmatrulive-how-to/) operazione fortemente voluta da Francesca Vecchioni e che rappresenta pienamente l’anima inclusiva e pop dei DMA.

Alberto Angela, Salvatore Esposito, Michela Murgia, Virginia Raffaele e Roberto Saviano si contenderanno il titolo di Personaggio dell’anno. Saranno inoltre premiate le categorie Miglior Film, Miglior Serie TV Italiana, Miglior Serie TV Straniera, Miglior Programma TV, Miglior Programma Radio, Miglior Pubblicità, Influencer dell’anno e Premio Media Young assegnato dal pubblico under 25. Attribuiti inoltre tre riconoscimenti ai protagonisti dell’informazione: Miglior TG, Miglior Articolo Informazione, Miglior Articolo Costume.

Il claim dello show di quest’anno è This is me, dal titolo del brano tratto dalla colonna sonora del film The Greatest Showman, vero e proprio manifesto della diversità. Questo sono io, da intendersi come rivendicazione coraggiosa e orgogliosa della propria identità, qualunque essa sia. 

La cena che accompagna la serata è a cura di 3 grandi chef stellati – Claudio Sadler, Antonio Guida, Giancarlo Morelli – della associazione Le Soste.

In perfetto stile Diversity, quest’anno le porte della serata sono aperte a tutti: è online la pagina web dedicata al progetto – http://www.diversitylab.it/dmatrulive/ – dove è possibile registrarsi e ricevere tutte le istruzioni per trasmettere il charity show. I nomi di chi aderirà a questa call to action sono elencati nella pagina e tutti riceveranno un badge di partecipazione con il pay off – This is me – che potrà essere inserito da subito sui siti e nelle pagine web come simbolo di adesione al progetto.

La Trasmissione a Rete Unificata dei DMA è sostenuta, promossa e preceduta da un’attività di teasing che vede coinvolti i canali social di Diversity oltre a publisher, influencer, youtuber. Nel corso della serata di premiazione saranno prodotti contenuti ad hoc per rilanciare lo streaming stesso e per raccontare il mood dell’evento in live su tutti i canali social dei personaggi coinvolti. L’hashtag ufficiale è #DMA2018.

La scorsa edizione dei DMA (2017) ha fatto registrare 20 milioni di impression e 7 milioni di account reached.

I Diversity Media Awards sono promossi da Diversity, l’associazione – fondata e presieduta da Francesca Vecchioni – che realizza progetti e ricerche dedicati all’inclusione sui temi della discriminazione di genere, età, orientamento sessuale, disabilità, religione, condizioni socio-economiche ed etnia unendo istituzioni, atenei e osservatori media.

Tante le istituzioni, le aziende e i partner che in questi anni hanno scelto di essere a fianco di Diversity. Dai patrocini di Commissione europea, Ambasciata del Canada, Comitato interministeriale per i diritti umani, Comune di Milano, alla collaborazione con l’Osservatorio di Pavia, Focus Management e gli atenei italiani. Molti i brand sensibili alle tematiche dell’inclusione che sostengono il progetto partecipando all’iniziativa: Lierac, Google Italia, Eataly, Vodafone, American Express, Fico, Coop, Assocom, Dexter, EBay, Discovery, e come partner del settore media e comunicazione, Yam112003 – che firma la produzione dell’evento – e Mongini Comunicazione. La cena al termine dello show, grazie al sostegno dell’Associazione Le Soste, è a cura degli chef stellati Sadler, Guida e Morelli e con selezioni di vini e cocktail di Vino DiVino e Baxter Bar.

Diversity Media Awards / Nomination 2018

 

Miglior FILM

Chi salverà le rose? (Corallo Film)

Il padre d’Italia (Bianca Film, Rai Cinema)

La parrucchiera (Skydancers, Mad Entertainment, Rai Cinema)

Nove lune e mezza (Neo Art, Paco Cinematografica)

 

Migliore SERIE TV ITALIANA

Amore pensaci tu (PublispeiRTI – Canale 5)

Gomorra (Sky, Cattleya, Fandango, LA7, Beta Film – Sky Atlantic, Sky Cinema 1)

I bastardi di Pizzofalcone (Clemart, Rai Fiction – Rai Uno)

Suburra: La Serie (CattleyaRai Fiction – Netflix)

 

Migliore SERIE TV STRANIERA

Billions (Best Available! TBTF Productions Inc. – Sky Atlantic)

Grace and Frankie (Okay Goodnight, Skydance Productions – Netflix)

One Mississippi (Zero Dollars and Zero, Sense Productions, Good Egg Productions, Inc., Pig Newton, Inc., 3 Arts Entertainment, FXAmazon Studios – Amazon Prime Video)

Narcos (Gaumont – Netflix)

Sense8 (Anarchos Productions, Javelin Productions, Studio JMS, Motion Picture Capital, Georgeville Television – Netflix)

Star Trek: Discovery (CBS Television Studios – Netflix)

 

Miglior PROGRAMMA TV

Adesso sì (Stand By Me – Rai 2)

Cose da non chiedere (Toro Media, Discovery Italia – Real Time)

Parla con lei (FremantleMedia – FoxLife [canale 114 di Sky])

Rivoluzione Gender (National Geographic [canale 403 di Sky])

Stato civile (PanamaFilm – Rai 3)

X Factor (FremantleMedia Italia – Sky 1)

 

Miglior PUBBLICITÀ

A modo nostro l’amore (Brosway)

Amati per come sei (Coconuda)

Fuori luogo (Gibbo&Lori – Idealista)

Pool Boy (Santo – Coca-Cola)

#PowertoKisses (Red Team – Vodafone)

 

Miglior PROGRAMMA RADIO

Fahrenheit – Radio Tre

Il Geco e la Farfalla – Radio Capital

m2o Radio @ Gay Village

Miracolo Italiano – Radio Due

Pinocchio – Radio Deejay

 

PERSONAGGIO DELL’ANNO

Alberto Angela

Salvatore Esposito

Michela Murgia

Virginia Raffaele

Roberto Saviano

INFLUENCER

Gnambox

Iconize

Loretta Grace

Martina Dell’Ombra

Shanti Lives

Willwoosh

 

PREMIO MEDIA YOUNG

BoJack Horseman (The Tornante CompanyShadowMachine Films – Netflix)

Crazy Ex-Girlfriend (LeanMachine, webbterfuge, Warner Bros. TelevisionCBS Television Studios – Netflix)

Master of None (Alan Yang Pictures, Oh Brudder Productions, 3 Arts Entertainment, Fremulon, Universal Television – Netflix)

Tredici (July Moon Productions, Kicked to the Curb Productions, Anonymous Content, Paramount Television – Netflix)

Supergirl (Berlanti Productions, DC EntertainmentWarner Bros. Television – Italia 1)

Diversity Media Report

La serata di assegnazione dei Diversity Media Awards è il momento ‘visibile’ e pubblico di una attività che Diversity conduce tutto l’anno tra istituzioni, scuole, aziende, media. Una attività che promuove il valore della diversità e la diversità come valore e che sostiene il cambiamento attraverso la diffusione della conoscenza. I DMA assumono una doppia valenza: da una parte promuovono la mappatura delle ‘buone pratiche’ e degli esempi di una rispettosa rappresentazione di temi e persone LGBTI nei media; dall’altra contribuisce a tracciare linee guida, a generare un cambiamento verso l’inclusione, a fare la differenza.

Diversity monitora e valuta l’informazione e l’intrattenimento durante il corso di tutto l’anno, realizzando due report distinti. Il comitato scientifico composto da 9 docenti di altrettanti atenei che, insieme ai rispettivi team di ricerca, hanno preso in esame quasi 800 prodotti mediatici di Intrattenimento; mentre l’Osservatorio di Pavia si è occupato dei TG prime time del 2017.

DMR 2018 – Informazione

E’ stata effettuata l’analisi notizie del Tg1 20.00, Tg2 20.30, Tg3 19.00, Tg4 18.55, Tg5 20.00, Studio Aperto 18.30, Tg La7 20.00 indicizzate e archiviate nel data base dell’Osservatorio di Pavia, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017, ricodificate per temi ed eventi pertinenti comunità o persone LGBTI e tipo di fonte giornalistica.

Terminato l’iter di approvazione del DDL Cirinnà, entrato nell’agenda dei TG nel luglio del 2015 e rimasto fino all’approvazione dei decreti attuativi nel gennaio 2017, il coverage su persone e tematiche LGBTI, sempre molto basso, si riduce al 2016, ma rimane più alto rispetto al decennio precedente al 2015, soprattutto in termini di incidenza: la rilevanza delle 291 notizie nell’agenda dei TG 2017 è pari allo 0,6% vs una media dello 0,3% del decennio 2005-2014.

DMR 2018 – Intrattenimento

Presenta i risultati dell’analisi sulla rappresentazione di temi e persone LGBTI nei prodotti cinematografici, televisivi, radiofonici e adv del 2017 (gennaio-dicembre). Ha preso in considerazione 782 contenuti tra serie TV italiane e straniere, programmi TV, pubblicità e film di produzione italiana. Il numero dei contenuti LGBTI è in sensibile aumento con un incremento delle serie italiane e una normalizzazione delle tematiche. Cresce anche la presenza dei temi LGBTI nella scelta delle campagne pubblicitarie delle aziende che tendono a proporre la diversità come valore.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.