Ben 9 titoli in concorso per l'11mo Queer Lion che segue la Mostra del Cinema di Venezia che apre dal 30 agosto.

Dal sito ufficiale del Queer Lion

Il Queer Lion Award è arrivato alla sua 11ma edizione con un ottimo elenco di film in concorso, ben 9 titoli, tutti di primissimo piano. Rilevante il fatto che ben tre titoli siano di produzione italiana. Ricordiamo che il Queer Lion è il premio, istituito nel 2003 da Daniel N. Casagrande, presidente dell’associazione culturale CinemArte, in accordo con l’allora Direttore della Mostra Moritz De Hadeln, che viene attribuito al miglior film con tematiche LGBT tra tutti quelli presentati nelle varie sezioni della Mostra di Venezia.
La Giuria di quest’anno è composta dal Presidente Brian Robinson, programmatore del London LGBT Film Festival; Adriano Vivarone, fondatore del primo circolo Arcigay a Ivrea; Rich Cline, vice presidente del London Film Critics’ Circle; Daniel N. Casagrande, fondatore del Queer Lion e insegnante di Storia del Linguaggio Cinematografico.

La cerimonia di premiazione dell’11mo Queer Lion avrà luogo venerdì 8 settembre alle 18 nella Villa degli Autori, sede delle Giornate degli Autori.

Venerdì 1 settembre si svolgerà il “Queer Lion #libertadigusto Opening Party” nel parco dell’aeroporto Nicelli del Lido di Venezia, l’ingresso sarà libero con consumazione facoltativa; alla consolle ci sarà Brian dj dalla discoteca Queever di Torino.
Il ricavato della festa, assieme al contributo dell’azienda vinicola “Prodigiodivino“, verrà devoluto all’associazione “MaiMa” di Schio (Vicenza), ed in particolare al loro “Progetto Scuole” che prevede interventi mirati per prevenire il bullismo omofobico nelle classi.

Di seguito i titoli e le sinossi dei 9 film in gara seguito dal calendario delle proiezioni.

 

Una famiglia

di Sebastiano Riso con Micaela Ramazzotti, Patrick Bruel (Italia, 105’)

Vincent è nato cinquant’anni fa vicino a Parigi; Maria, più giovane di quindici anni, è cresciuta a Ostia. Entrambi hanno tagliato ogni legame con le proprie radici, ma insieme formano una coppia che conduce un’esistenza appartata nella Roma dei giorni nostri, culla ideale per chi vuole vivere lontano da sguardi indiscreti. Eppure, a uno sguardo più attento, quella quotidianità dall’apparenza così normale lascia trapelare un terribile progetto di vita portato avanti da lui con lucida determinazione e da lei accettato in virtù di un amore senza condizioni. Un progetto che prevede di aiutare coppie che non possono avere figli. Arrivata a quella che il suo istinto le dice essere l’ultima gravidanza, Maria decide che è giunto il momento di formare una vera famiglia. La scelta si porta dietro una conseguenza inevitabile: la ribellione a Vincent, l’uomo della sua vita.
Presentato nella sezione Venezia 74

Three Billboards Outside Ebbing, Missouri

di Martin McDonagh con Frances McDormand, Woody Harrelson (Uk, 110’)

Una madre frustrata e provata dal lutto, sfida le forze di polizia locali per richiamare l’attenzione sulla mancanza di progressi nelle indagini per trovare l’assassino della figlia, nel nuovo film del maestro dello humour nero Martin McDonagh.
Presentato nella sezione Venezia 74

Ammore e malavita

di Manetti Bros. con Giampaolo Morelli, Claudia Gerini (Italia, 133’)


Napoli. Ciro è un temuto killer. Insieme a Rosario è una delle due “tigri” al servizio di don Vincenzo, “o’ re do pesce”, e della sua astuta moglie, donna Maria. Fatima è una sognatrice, una giovane infermiera. Due mondi in apparenza così distanti, ma destinati a incontrarsi, di nuovo. Una notte Fatima si trova nel posto sbagliato nel momento sbagliato. A Ciro viene dato l’incarico di sbarazzarsi di quella ragazza che ha visto troppo. Ma le cose non vanno come previsto. I due si trovano faccia a faccia, si riconoscono e riscoprono, l’uno nell’altra, l’amore mai dimenticato della loro adolescenza. Per Ciro c’è una sola soluzione: tradire don Vincenzo e donna Maria e uccidere chi li vuole uccidere. Nessuno può fermare l’amore. Inizia così una lotta senza quartiere tra gli splendidi scenari dei vicoli di Napoli e il mare del golfo. Tra musica e azione, amore e pallottole.
Presentato nella sezione Venezia 74

Marvin

di Anne Fontaine con Finnegan Oldfield, Isabelle Huppert (Francia, 115’)

Scritta da Anne Fontaine e Pierre Trividic, la sceneggiatura è centrata su Martin Clément, il cui vero nome è Marvin Bijou. E’ fuggito. Dal suo villaggio natale, dalla sua famiglia. Racconta la sua storia in una pièce teatrale che incontra un discreto successo. Ma a quale prezzo? Il film prende a prestito la trama principale del romanzo di Edouard Louis (l’infanzia e l’adolescenza di un giovane respinto dai suoi compaesani e dalla famiglia a causa della sua omosessualità) ma gli dà un seguito, visto che il film segue il personaggio fino ai suoi 23 anni mentre il racconto del libro si ferma al suo ingresso al liceo. Esplorando il tema della stigmatizzazione legata alla diversità e la costruzione dell’identità, l’intreccio mostra anche come il personaggio riuscirà, attraverso alcuni incontri, a uscire da una situazione molto dolorosa.
Presentato nella sezione Orizzonti

The Prince and the Dybbuk

di Elwira Niewiera, Piotr Rosołowski (Polonia, Germania, 82’) doc

Il ritratto di Mosze Waks, nato da una povera famiglia in un piccolo stato dell’Ucraina e morto a Madrid come “Principe Michał Waszyński”, produttore cinematografico di Hollywood e aristocratico polacco in esilio. Lungo la strada, nella sua vita, ha fatto da assistente a Friedrich Murnau nella produzione del film Nosferatu, ha fatto infuriare il ministro della propaganda del Terzo Reich, Joseph Goebbels, con il suo film The Dybbuk e ha prodotto il film più caro della storia del cinema, La caduta dell’impero romano. Nel 1946 sposò la vedova di un conte, Maria Dolores Tarantini che morì subito dopo il matrimonio e Wasynski ereditò tutta la sua fortuna, tra cui il suo Palazzo a Roma. Omosessuale, non nascondeva la sua condizione fin dagli anni ’30, ostentando la sua apparizione con diversi partner. Nella Roma degli anni ’50 e ’60 il regista visse apertamente la propria omosessualità.
Presentato nella sezione Venezia Classici

Martyr 

di Mazen Khaled con Carole Abboud, Hamza Mekdad (Libano, 80’)

I ragazzi di Beirut si tuffano pericolosamente in mare come prova iniziatica di coraggio. La tragica morte di un ragazzo porta i suoi amici a lottare contro questa perdita e a mettere in discussione i riti della sua comunità, rivelando le divisioni interne alla città e alla società.
Presentato nella sezione Biennale College

Il contagio 

di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini con Anna Foglietta, Vincenzo Salemme (Italia, 110’)

In una palazzina di borgata si agitano le vite di Marcello e Chiara, di Mauro e Simona e del boss di quartiere Carmine. In questo scenario di umanità mutevole perennemente sospesa tra il tragico e il comico si inserisce anche il professor Walter, scrittore di estrazione borghese, il quale ha da tempo una relazione con Marcello, ex culturista dalla sessualità incerta. Mauro, freddo e ambizioso spacciatore, sembra il solo a sentire la necessità di una svolta. I poteri corrotti irrompono in un angolo della periferia.
Presentato nella sezione Giornate degli Autori

Les garçons sauvages

di Bertrand Mandico con Vimala Pons, Diane Rouxel (Francia, 110’)

All’inizio del XX secolo, sull’isola de La Réunion, cinque adolescenti di buona famiglia, appassionati di scienze occulte, commettono un feroce crimine. Un capitano olandese se ne prende carico e li costringe ad una crociera di rieducazione a bordo di un vascello fatiscente e spettrale. Sfiniti dai metodi del capitano, i cinque ragazzi pianificano l’ammutinamento. La loro meta è un’isola sovrannaturale dalla vegetazione lussureggiante che cela un segreto sconvolgente. “Se Adinolfi la sera ha gli incubi, sogna questo film” (Giona A. Nazzaro). I protagonisti sono persone che cambiano sesso, che accettano il cambiamento e il diventare altro come forma di erotismo.
Presentato nella sezione Settimana Internazionale della Critica

Team Hurricane

di Annika Berg con Eja Penelope Roepstorff, Ida Glitre (Danimarca, 94’)

Un punk chick flick su un gruppo di adolescenti etero e lesbo che mescola elementi di fantasia con materiale documentario: solitudine, pussypower, kawaii, hentai, verde elettrico, graffiti, vibratori, amicizia, orsacchiotti, faccia da stronzetta, Arte, fuoco, paura, bubblegum, mamma&papà, anoressia, cactus, piercing fatti in casa, nailart, ciliegie, cutting, delfini, Lolita, diari segreti e sogni ad occhi aperti. Ragazze radicali in un mondo mediocre.
Presentato nella sezione Settimana Internazionale della Critica

Segnaliamo inoltre alcune opere con alcuni elementi LGBT. I film di seguito NON sono in competizione per il Queer Lion Award perché i personaggi o i temi queer sono estremamente secondari, perché la durata dell’opera è inferiore a 30’, perché la copia presentata è un work in progress:

Mai Mee Samui Samrab Ter – Samui Song di Pen-ek Ratanaruang (Tailandia, Germania, Norvegia, 108’) – Giornate degli Autori
Les fantômes de la veille di Manuel Billi (Francia, Italia, 20’) – Settimana Internazionale della Critica
The Harvesters di Etienne Kallos (Sud Africa, Francia, Grecia, Polonia, 100’) – Final Cut in Venice

CALENDARIO DELLE PROIEZIONI

MARTYR
Sep 01 | 11:00 Sala Giardino (Lido) | Press, Industry
Sep 01 | 17:00 Sala Giardino (Lido) | Tickets, All Accreditations
Sep 01 | 21:00 Sala Web | Ticktes
Sep 02 | 20:00 Sala Pasinetti (Lido) | Free Coupons, All Accreditations

IL CONTAGIO
Sep 01 | 11:30 Sala Perla (Lido) | Press, Industry
Sep 01 | 16:45 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations
Sep 02 | 21:30 Sala Rossini 3 (Venezia) | Ticktes
Sep 02 | 21:30 IMG Cinemas 2 (Mestre) | Ticktes

MARVIN
Sep 02 | 20:00 Sala Volpi (Lido) | Press, Industry
Sep 02 | 22:15 Sala Casinò (Lido) | Press, Industry
Sep 03 | 16:30 Sala Darsena (Lido) | Ticktes, All Accreditations
Sep 04 | 14:45 Sala PalaBiennale (Lido) | Ticktes, All Accreditations
Sep 04 | 21:30 Sala Rossini 3 (Venezia) | Ticktes
Sep 04 | 21:30 Sala IMG Cinemas 2 (Mestre) | Ticktes

THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
Sep 04 | 08:30 Sala Darsena (Lido) | Press, Industry
Sep 04 | 11:30 Sala Grande (Lido) | Press, Industry
Sep 04 | 20:00 Sala Grande (Lido) | Tickets
Sep 04 | 20:15 Sala PalaBiennale (Lido) | Tickets
Sep 05 | 10:15 Sala PalaBiennale (Lido) | All Accreditations

UNA FAMIGLIA
Sep 04 | 09:00 Sala Grande (Lido) | Press, Industry
Sep 04 | 11:00 Sala Darsena (Lido) | Press, Industry
Sep 04 | 17:45 Sala Grande (Lido) | Ticktes, All Accreditations
Sep 04 | 22:05 Sala PalaBiennale (Lido) | Ticktes
Sep 05 | 08:30 Sala PalaBiennale (Lido) | All Accreditations

LES GARÇONS SAUVAGES
Sep 04 | 19:45 Sala Perla 2 (Lido) | Press, Industry
Sep 05 | 14:00 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations
Sep 06 | 09:00 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations

TEAM HURRICANE
Sep 05 | 19:45 Sala Perla 2 (Lido) | Press, Industry
Sep 06 | 14:00 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations
Sep 07 | 09:00 Sala Perla (Lido) | Free Coupons, All Accreditations
Sep 07 | 21:30 Sala Rossini 3 (Venezia) | Ticktes
Sep 07 | 21:30 Sala IMG Cinemas 2 (Mestre) | Ticktes

AMMORE E MALAVITA
Sep 06 | 08:30 Sala Darsena (Lido) | Press, Industry
Sep 06 | 11:30 Sala Grande (Lido) | Press, Industry
Sep 06 | 19:30 Sala Grande (Lido) | Tickets
Sep 06 | 20:00 Sala PalaBiennale (Lido) | Ticktes
Sep 07 | 10:25 Sala PalaBiennale (Lido) | All Accreditations

THE PRINCE AND THE DYBBUK
Sep 06 | 11:15 Sala Volpi | Press, Industry
Sep 06 | 17:30 Sala Volpi | Free Coupons, All Accreditations
Sep 07 | 22:00 Sala Pasinetti | Free Coupons, All Accreditations


Condividi

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.