Accedi
CINEMA

"Gay e cattolici" il documentario di VICE che mette a confronto le loro voci e quelle di chi non li accetta

Il rapporto tra la Chiesa cattolica e la sessualità è estremamente complesso e a fare le spese di questa situazione sono soprattutto i membri della comunità Lgbtq italiana. Stante l’apparente inconciliabilità tra le posizioni della Chiesa e le rivendicazioni della comunità gay e nonostante i segnali di apertura di Papa Francesco, qual è la situazione in Italia? Ci sono spiragli di cambiamento?
I cristiani lgbt e i sacerdoti che li accompagnano sono i protagonisti del nuovo documentario di Vice Italia intitolato “Gay e cattolici“. Nel reportage sono illustrate sia le posizioni delle associazioni ultra-cattoliche che difendono la famiglia tradizionale con i toni violenti di Silvana De Mari, sia quelle dei rappresentanti della Chiesa, come don Andrea Bigalli, che dall’interno si battono per l’integrazione delle persone LGBT.
Viene affrontato anche lo spinoso tema delle terapie riparative (cure che si situano ai margini della legalità, messe al bando dall’ordine degli psicologi da anni) con interventi a favore e contro.
Soprattutto il documentario dà voce agli uomini e alle donne di Kairos, il gruppo di cristiani LGBT di Firenze, ospite da diversi anni in alcune realtà della diocesi di Firenze, un’esperienza che fa parte di quel popolo di Dio che cerca di conciliare ogni giorno l’accoglienza dell’altro nella propria Chiesa.

“Abbiamo incontrato tutti i protagonisti delle realtà all’intersezione tra fede e identità sessuale: le associazioni ultra-cattoliche che difendono la famiglia tradizionale con i toni anche violenti di Silvana De Mari; chi appoggia e chi attacca le terapie riparative (cure che si situano ai margini estremi della legalità: l’ordine degli psicologi italiano le ha messe al bando ormai da anni e la legge le ha punite in molte occasioni); la Chiesa e, all’interno della Chiesa, sacerdoti come Don Andrea Bigalli che invece si battono per l’integrazione. Soprattutto, abbiamo incontrato i membri dell’associazione cristiana LGBT Kairos, parte del network di fedeli che portano avanti tanto la propria spiritualità quanto la propria vita affettiva e lottano per cambiare la Chiesa dall’interno.