Cinema

Sono iniziate le riprese di "L'altra metà di me" della regista Annarita Campo

Una storia d’amore tra due donne, prodotta dalla South Pictures con il patrocinio e la collaborazione di Arcigay Siracusa.

annarita-campo
(Armando Cavarini presidente di Arcigay Siracusa e la regista Annarita Campo)

Armando Cavarini, presidente del circolo Arcigay di Siracusa spiega così la scelta di sponsorizzare il film “L’altra metà di me” della regista Annarita Campo: “Mi ha colpito la trama del film che non parla solo di un amore fra due donne, ma del percorso di una delle due protagoniste che non è dichiaratamente lesbica, ma inizia a vivere questo amore travagliato verso la scoperta e l’accettazione di sé tramite la relazione, andando incontro anche al pregiudizio di chi l’ha sempre creduta eterosessuale. L’omosessualità al femminile è più difficile da vivere da una parte, perché due donne possono camminare tranquillamente mano nella mano per strada in pubblico, baciarsi o andare in bagno insieme senza destare nemmeno il sospetto di essere lesbiche; dall’altra parte, però l’omosessualità femminile è meno accettata dalla società, e quindi anche vissuta più in segreto, a causa della cultura sessista e maschilista che vede ancora le donne come coloro che devono costruire la famiglia e procreare”.

Annarita Campo si definisce ultima erede della scuola del Neorealismo italiano. Per questo ha fondato il “Neorealismo al femminile”, in quanto scrive e dirige solo film con protagoniste le donne. Ha frequentato la scuola di cinema degli “Studios” con maestri come Citto Maselli, Gillo Pontecorvo, Carlo Sartori, Romy Schneider, Renzo Rossellini, Ruggero Montingelli, Michelangelo Antonioni e i premi Oscar: Osvaldo Desideri e Ugo Pirro. Laureata in Regia Cinematografica e in Direzione della Fotografia preso la New University of Cinema and Tv, ha prestato servizio V3S presso il 7° Reggimento Alpini di Belluno. Amatissima dalla critica cinematografica italiana, può vantarsi di avere già una biografia ufficiale scritta dal critico siciliano Gregorio Napoli col titolo: “Annarita, una cineasta a tutto Campo”. Nel 2016 ha fondato e diretto il “Belluno Film Festival” oltre ad aver iniziato la lavorazione del suo prossimo film, il 14mo, dal titolo “L’altra metà di me”, storia di due donne innamorate a Siracusa. “È semplicemente il racconto di una donna che improvvisamente, casualmente e senza rendersene conto, si innamora di un’altra donna”, spiega Annarita, “nei miei film cambiano le storie, ma la costante è che sono sempre le donne a essere protagoniste. In questo caso, l’idea di L’altra metà di me nasce dalla volontà di scardinare un pregiudizio: il cinema è quasi tutto diretto da uomini e forse è anche per questo che l’omosessualità femminile è stata raccontata poco e senza mai riuscire a superare certi tabù. In questo film ho scelto di dare peso all’amore, andando oltre lo stereotipo che lega l’omosessualità solo alla sessualità. Questo film è nato per raccontare l’amore vero, quell’amore che non ha sesso, non ha limiti e soprattutto non ha pregiudizi. Due ragazze si innamorano l’una dell’altra, mettendo al primo posto il forte e profondo sentimento che provano, non curandosi di quello che può pensare la gente bigotta che le giudica solo per poter dare fiato alla bocca, pretendendo di manipolare e gestire la vita delle persone senza essere capace di gestire la loro. Il film racconta di come la nostra metà potrebbe anche essere, inaspettatamente, proprio una persona del nostro stesso sesso”.

Arcigay Siracusa, in cambio del sostegno, ha ottenuto che il 40 per cento degli incassi al botteghino venga destinato al progetto Scuola Arcobaleno che si propone di portare nelle scuole tematiche di genere, perché, spiega il presidente Garavini: “nonostante Siracusa da cittadina provincialotta sia passata a essere una città cosmopolita per quanto riguarda i diritti civili, c’è ancora molto da lavorare, specialmente in provincia dove è come tornare indietro nel tempo e dove è ancora complicato perfino fare coming out. È per questo che stiamo cercando di far nascere anche delle Arcigay satellite nel territorio provinciale, per costruire comunità e far capire, in particolare agli adolescenti, che non sono soli”.

annarita-campo-cast
(il casting del film)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.