Omofobia. Storia e critica di un pregiudizio
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • EditoriDedalo (collana Libelli vecchi e nuovi)

Omofobia. Storia e critica di un pregiudizio

Traduttore Caiati D.
L’omofobia, per dirla con Foucault, è un dispositivo e, come tale, viene sottoposta da Borrillo a un incessante lavoro critico che convoca non solo il diritto ma, al tempo stesso, l’intero spettro delle scienze umane: antropologia, filosofia, storia delle religioni, psicoanalisi. È solo a questa condizione, in effetti, che diventa possibile procedere a una vera e propria decostruzione dell’atteggiamento omofobo. Attraverso le quattro grandi sezioni in cui si articola il testo, l’autore interroga l’odio dell’omosessuale come fenomeno che attraversa e struttura una gran parte della nostra storia e dei nostri comportamenti quotidiani; l’omofobia si situa, al tempo stesso, sul piano dell’irriflesso e del simbolico, dell’habitus e dell’immaginario: in altre parole, di quell’ideologia dominante che Daniel Borrillo mette radicalmente in questione.

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.