IL MARITO DER MI’ FIGLIOLO
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • EditoriGiuseppe Pancaccini

IL MARITO DER MI’ FIGLIOLO

Opera presentate nella sezione Teatro del Florence Queer Festival 2009
Il carrozzone di Livorno
con Aldo Bagnoli, Aldo Corsi, Luca D’Alesio, Piero Paoli, Marco Rossi, Salvatore Capuozzo, Tiziana Foresti, Cristina Marziali, Alba Noemi, Massimo Rey
Vernacolo con matrimonio gay… Tutto l’umorismo livornese in un tema di grande attualità: i matrimoni omosessuali. Pancaccini nel corso degli anni ha sempre osservato quello che succedeva nella realtà italiana, riflessa nello specchio del borgo, affrontando tantissimi argomenti di attualità: trentacinque anni fa trattava con la sua prima commedia “Separazione alla livornese” il tema allora caldo del divorzio, ed a questa ne sono seguite molte altre su tanti temi, dai falsi invalidi fino alle case chiude.
Divertente e graffiante allo stesso tempo “Il marito der mi’ figliolo” osserva, analizza, sbeffeggia la realtà dei nostri tempi, con i suoi paradossi, le sue ipocrisie, le sue svolte, senza dimenticare il valore base dell’uguaglianza.
Per questo testo Pancaccini si è ispirato ancora una volta ad una storia vera salita all’onore delle cronache nel momento in cui, due ragazzi pisani hanno deciso di rendere noto il proprio amore ed unirsi in matrimonio, registrando il loro PACS. E appunto la commedia narra di due giovani coraggiosi, che appellandosi alla legge dell’amore, hanno seguito l’esempio dei due ragazzi pisani. Scontata la reazione delle due famiglie, una delle quali è radicata nel verace quartiere della venezia livornese ma inaspettatamente la comprensione materna risolve la situazione, senza curarsi dei clamori che la notizia ha suscitato e soprattutto dei pettegolezzi e la malevolenza del vicinato.
Da buoni livornesi, tra gags, risate, riflessioni, nel pieno rispetto di tutti, la compagnia Il Carrozzone racconterà questa storia, forte del successo delle precedenti edizioni.

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.