De Pisis. Vita solitaria di un poeta pittore (Sœur du rêve)
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • EditoriTamellini Edizioni

De Pisis. Vita solitaria di un poeta pittore (Sœur du rêve)

Come raccontare la vita del pittore (e scrittore dandy e interprete di più decenni della vita culturale e mondana) Filippo De Pisis? Naldini ha provato a muoversi fra quattro diverse fonti e testimonianze, incrociandole e montandole via via fra di loro: i ricordi e le annotazioni degli amici di De Pisis; le lettere – spesso bellissime – del pittore; i testi letterari (diari poesie romanzi alcune riflessioni di poetica e di mestiere di una singolare capacità di distacco) dello stesso De Pisis; l’immensa bibliografia che lo riguarda. Il risultato, una cronaca esistenziale e pittorica che insegue quadri e persona, vita e attività (e un nugolo di scrittori, di critici, di modelli, dame, gente di mondo e di più defilata definizione, fattorini, boxeurs, gondolieri, medici, una portinaia di Parigi e le fioraie di Rialto, appare e scompare come in un caleidoscopio), permette di ricostruire l’attività di un artista continuamente ai limiti della propria sensibilità, fra i più affascinanti e sorprendenti del già vario panorama delle arti contemporanee in Europa.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.