Yo no me complico

Yo no me complico
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT QQQ
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Yo no me complico

Gay, lesbiche, bisessuali, transessuali, queer, travestiti, pornologi, filosofi, ricercatori, militanti, migranti, personaggi dello spettacolo, sono alcuni dei protagonisti di “Yo no me complico“, girato tra il gay pride di Genova e il festival Gender Bender di Bologna, passando dalla Bergamo più conservatrice alle strade della prostituzione del capoluogo genovese. Il film è un bell’esempio di cinema che nasce dalle esigenze di studio e approfondimento di un gruppo di ricercatori universitari del Laboratorio di Sociologia Visuale dell’Università di Genova. Il film inizia con Tiago che va sullo skateboard, prende l’autobus dove si sente incollato addosso lo sguardo degli altri, e che se ne frega e dice “Yo no me complico“, cioè “Io non mi complico la vita, dico le cose come stanno“. Tiago ha 16 anni, viene dal Venezuela, è gay. Su di lui il peso di una doppia minoranza, di una doppia discriminazione. Ma lui rivendica con coraggio il suo diritto all’indifferenza, non alla tolleranza ma “a essere quello che si vuole, senza etichette. Insomma, che gli altri si dimentichino di me“. “Chissà“, dice “magari cambierò ancora orientamento sessuale. E allora, dov’è il problema? Perché complicarsi la vita?“. Il film è un mosaico di storie, dice il regista Diaco, che non vogliono insegnare o dimostrare qualcosa, ma solo “mettere sul tavolo delle questioni, e spazzare via le nubi che le avvolgono“.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


trailer: Yo no me complico

Varie

Gay, Lesbiche, Bisessuali, Trans, Queer, travestiti, pornologi, filosofi, ricercatori, militanti, migranti, personaggi dello spettacolo… sono alcuni dei protagonisti di Yo no me complico – documentario di 55 minuti prodotto dal Laboratorio di sociologia visuale dell’Università di Genova, girato tra il gay pride di Genova e il Festival Gender Bender di Bologna, passando dalla Bergamo più conservatrice alle strade della prostituzione nel capoluogo genovese.
La linea guida del documentario è la ricerca sociologica, attraverso i concetti di corpo, genere, sessualitá e identitá sessuale, toccando tematiche como l’omofobia, il diritto all’indifferenza, il corpo in trasformazione. La rivendicazione di diritti civili diventa uno dei temi principali, senza ridursi alla richiesta di un riconoscimento sociale per omosessuali e trasnsessuali – sempre piu spesso vittime di aggressioni – ma estendendosi a tutta una fascia di diritti fondamentali che sembrano essere oggi minacciati o messi in discussione (diritti di cittadinanza, diritti per una sessualità libera e consapevole, diritti delle donne, rispetto delle minoranze etniche, culturali e religiose, etc.).

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.