The Woodmans

The Woodmans
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT Q
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

The Woodmans

Con le sue potenti e inquietanti fotografie in bianco e nero Francesca Woodman si è conquistata un posto nel pantheon dei grandi fotografi del ventesimo secolo. Un talento precoce e visionario, una carriera tragicamente interrotta dal suicidio compiuto a soli 22 anni, nel 1981. Il documentario di Scott Willis ricostruisce la vita di questa tormentata artista figlia a sua volta di artisti: Betty, ceramista, e Charles Woodman, pittore e fotografo. Le interviste ai familiari – per i quali fare arte è stato l’unico modo per sopravvivere alla tragedia – si alternano alle opere di Francesca, dai video giovanili agli autoritratti nudi, e alle pagine del suo diario. Un film intenso e toccante, che parla anche di temi scomodi come lo spirito di competizione tra figli e genitori, e di come la scena artistica newyorkese sia troppo spesso alimentata da livelli tossici di ambizione. (Gender Bender)

Condividi

Commenta


trailer: The Woodmans

Varie

“…A body artist who used photography as her medium, Woodman was more expressionistic (and artier) than older contemporaries Cindy Sherman, Robert Mapplethorpe, and Nan Goldin; she made elegantly povera nude self-portraits and rawer Portapak performance videos as a form of psychodrama that concealed as they revealed. Even during her brief life, she was a cult figure. Woodman amazed classmates when she entered RISD in 1975: “There was a real rock-star quality to Francesca,” one recalls in C. Scott Willis’s documentary. “Her concepts were far beyond the level of the class.” As The Woodmans makes clear, however, Francesca had been schooled to be an artist all her life….” (J. Hoberman, Village Voice)

———————–

Francesca Woodman (Denver, 3 aprile 1958 – New York, 19 gennaio 1981) fu, nonostante una vita piuttosto breve, un’artista fotografica influente e importante per gli ultimi decenni del XX secolo.Appariva in molte delle proprie fotografie e il suo lavoro si concentrava soprattutto sul suo corpo e su ciò che lo circondava, riuscendo spesso a fonderli insieme con abilità. La Woodman usava in gran parte esposizioni lunghe o la doppia esposizione, in modo da poter partecipare attivamente all’impressionamento della pellicola. Nelle sue foto compaiono anche l’amica fotografa Sloan Rankin Keck e il compagno Benjamin Moore.
Francesca Woodman crebbe in una famiglia di artisti, il padre George era un pittore mentre la madre Betty ceramista. Trascorse diversi anni e molte vacanze estive della sua infanzia a Firenze, dove frequentò il secondo anno di scuola elementare e prese lezioni di pianoforte. e scoprì la fotografia molto giovane, sviluppando le sue prime foto a soli 13 anni. Tra il 1975 e il 1979 ha frequentato la Rhode Island School of Design (RISD), dove si appassiona alle opere di Man Ray, Duane Michals e Arthur Fellig Weegee.
In questo periodo torna in Italia, a Roma, per frequentare i corsi europei della RISD con l’amica e collega Sloan Rankin. Qui si appassiona alle opere di Max Klinger e conosce, tra gli altri, anche Sabina Mirri, Edith Schloss, Giuseppe Gallo, Enrico Luzzi e Suzanne Santoro. Frequenta anche l’ambiente artistico della Transavanguardia Italiana. Nel gennaio del 1981 ha pubblicato la sua prima (e unica, da viva) collezione di fotografie, dal titolo Some Disordered Interior Geometries (Alcune disordinate geometrie interiori). Nel corso dello stesso mese si suicidò gettandosi da un palazzo di New York all’età di 22 anni. Le sue fotografie vengono esposte frequentemente in tutto il mondo anche oggi.
« Ho dei parametri e la mia vita a questo punto è paragonabile ai sedimenti di una vecchia tazza da caffè e vorrei piuttosto morire giovane, preservando ciò che è stato fatto, anziché cancellare confusamente tutte queste cose delicate » (http://lesbolandia.splinder.com/)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.