Urlo

Urlo
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (23 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Urlo

Film biografico sulla figura del controverso poeta americano Allen Ginsberg, icona della cultura beat durante gli anni ’50 e del movimento hippie e gay dagli anni ’60, che ripercorre il processo per oscenità intentato contro il suo rivoluzionario poema “Howl”. Siamo a San Francisco nel 1957 quando un capolavoro americano viene portato davanti alla corte. Il film ripercorre questo triste evento intrecciando tre differenti narrazioni: la tumultuosa vita del giovane Allen Ginsberg fino alla sua realizzazione come artista, le reazioni della società (il tema delle oscenità), e le vitalità psicoattive che sono alla base dell’originalità dello stesso poema. Questi tre aspetti crescono insieme in un ibrido miscuglio di generi che catturano e spiegano brillantemente uno dei momentio chiave della nascita della controcultura.

Visualizza contenuti correlati

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 17/9/2010 al 19/9/2010 18 € 15.176 € 1.379
dal 10/9/2010 al 12/9/2010 16 € 19.490 € 779
dal 3/9/2010 al 5/9/2010 14 € 34.480 € 1.077
dal 27/8/2010 al 29/8/2010 9 € 37.080 € 1.158

Condividi

19 commenti

  1. Film davvero bellissimo, ottima l’idea di concentrare l’attenzione sugli atti del processo. In fin dei conti piu’ che un film a tematica gay e’ un film sull’ ostracismo che le opere letterarie debbono subire in ogni epoca storica, L’ Urlo di Ginsberg ne e’ un esempio, ma l’elenco e’ assai piu’ fitto. Convincenti le interpretazioni.

  2. thediamondwink

    Nell’ignoranza del periodo, per me, si è voluto punire più lo scrittore che lo scritto, anche perchè, quest’ultimo, difficile da interpretare! Personalmente trovo molto bella la reinterpretazione delle vicende e, soprattutto, straordinaria la vita di un personaggio che sin oggi non conoscevo. Bello il film, ottime le interpretazioni!

  3. istintosegreto

    Molto molto bello. Mi ha permesso finalmente di entrare nella mente del vertice meno conosciuto (da me intendo) del triangolo Kerouac-Cassady-Ginsberg. A dire il vero mi interessava più la personalità dell’artista che l’interpretazione del suo capolavoro. Ma devo dire che l’idea di mettere in scena URLO con le animazioni è tutta da lodare. Intelligente il contrasto tra la grigia e superficiale lettura dei versi da parte dell’avvocato dell’accusa e il colore delle animazioni, che invece esprimono perfettamente sentimenti e stati d’animo.
    Ottimo il protagonista. Meno convincente, perché inespressivo, l’attore che interpreta Neal Cassady (è molto meglio quello scelto nel film ON THE ROAD). Efficace Jeff Daniels nel ruolo del professore arroccato sui propri preconcetti.

  4. zonavenerdi

    Bel film per gli amanti del genere. Di omossesuialità si parla solo in sottofondo, ma il vero argomento principe del film è il disagio generazionale dei giovani post seconda guerra mondiale. La trama è inesistente; las vera stroia di Ginsberg non viene raccontata.

  5. belozoglu

    a me è sembrato confezionato sulle spalle di hollywood…
    patinato nel racconto, mieloso nei sentimenti, mai coinvolgente…mancavano solo il 3D e i pop-corn!
    si doveva e poteva fare di più…soprattutto di fronte a ginsberg

  6. gusvansantboy

    E’ un film che dà un’impressione di convenzionalità nella parte del trial movie e in genere in tutte le scene che intendono riprodurre momenti di vita realmente vissuta. Risulta, però, interessante nella costruzione d’insieme su più piani narrativi montati in parallelo. E’ qualcosa di più di una semplice docufiction. Meravigliosa la parte dei disegni animati che accompagnano il monologo, al livello di ‘Fantasia’. E’ un film che non può piacere alle gerarchie statali. E’ fatto per dispiacere a cattolici e fascisti. Difficile restare impassibili di fronte al brano del Moloch. Meglio con i sottotitoli che doppiato anche se non si afferra tutto. Non tutti i film si possono tradurre. Dovremmo avere la sensibilità di fare una distinzione. James Franco, non sarà proprio il massimo, ma se la cava egregiamente. Ha, secondo me, la giusta vena (auto)ironica.

  7. Giuseppe81

    Film bellissimo da vedere assolutamente. Non il solito biopic noioso, che a volte “romanzano” la verità! Essendo la storia d un libro d poesie è raccontato giustamente con il ritmo poetico! In più vi è un James Franco superlativo, una fotografia perfetta e la parte animata è fantatica! ke dire un capolavoro!

  8. Skippy'90

    Finalmente l’ho visto, comprato! Che posso dire se tra film su personalità poetiche, letteratura e l’omosessualità nonché il ritratto di quei giovani anticonformisti, la Beat Generation, è ottimo. Mi è piaciuto anche per il fatto che, avvalorato da una storia vera, si può essere felici solo se si accetta veramente se stessi(le scene di Ginsberg e il suo compagno Peter sono meravigliose!). Merita.

  9. Le prime parole su questo film le voglio spendere assolutamente sull’estetica prima ancor che sui contenuti… una regia perfetta che ha saputo mescolare in maniera molto organica animazioni, filmati d’epoca, bianco/nero e girato per creare un prodotto decisamente di qualità superiore.
    Tuttavia è un film non semplice da seguire; questo non perché abbia una trama particolarmente complessa, anzi la trama è al contrario minimale, ma essendo un misto di tecniche diverse e facendo divenire parte integrante della narrazione pezzi di animazione, letture del poema e a tratti la stessa colonna sonora, non segue nessun registro convenzionale e tende a spiazzare non poco lo spettatore.

  10. L’ho trovato molto scorrevole, la scelta di sottolineare la lettura di alcune parti del poema con scene animate mi è piaciuta assai! Film bellissimo, per certi versi onirico, bravi gli attori.. Jon Hamm (già protagonista del bellissimo telefilm ‘Mad men’, premiato – giustamente – con gli Emmy Awards) qui nella parte dell’avvocato difensore, è sempre un gran figo!! 🙂

  11. pitumpa

    a udine in proiezione per 1 settimana in un piccolo cinema di provincia…e ank sta volta mi sn beccata lo scemo k ha brontolato x tt il film -.-”
    cmq piuttosto bello…certo è da capire xk cn tt quei salti dall’animazione, al processo a quant’altro si rischia di perdersi…ma sentire ginsberg è sempre un piacere^^…un’ora e mezza di “URLO”!!:)

  12. Skippy'90

    Qui a Mantova non c’è minimamente, neanche all’ariston(quando invece film mezzi uccisi dalla critica come “Sansone” o “Nightmare” girano tranquillamente dovunque… che rabbia!!)!

Commenta


trailer: Urlo

https://youtube.com/watch?v=1ytf38d2MWc%26color1%3D0xb1b1b1%26color2%3D0xd0d0d0%26hl%3Den_US%26feature%3Dplayer_embedded%26fs%3D1

Varie

I saw the best minds of my generation destroyed by madness, starving hysterical naked, dragging themselves through the negro streets at dawn looking for an angry !x. Dal poema Howl di Allen Ginsberg del 1957, accusato in tribunale di oscenità. Rob Epstein e Jeffrey Friedman ci regalano un magistrale !lm biogra!co sulla !gura del controverso poeta americano, icona della cultura beat e del movimento hippie e gay degli anni ‘60. Si ripercorre il processo per oscenità intentato contro il suo poema intrecciando livelli narrativi diversi: raccontandoci vita morte e miracoli del giovane Allen, descrivendo le reazioni sistemiche ai “icker beat di quella generazione illuminata e illuminando l’esperienza di protagoniste secondarie, le sostanze psicotrope. Stati di alterazione di una dream machine mai spenta, che in cervelli pensanti sono stati un valore aggiunto. Tra luci acide lisergiche brilla il sorriso di James Franco. Allen Ginsberg dei nostri tempi. Narratore di frammenti e “ash della nascita di un movimento rivoluzionario irripetibile. La controcultura della generation beat. (Migay 2010)

CRITICA:

“Prodotto e diretto dal fior fiore del cinema indipendente Usa, «Urlo» è lo straordinario ritratto di un uomo, Allen Ginsberg, del suo difficile rapporto con la società e del processo da cui uscì assolto per il suo scandaloso «Urlo». Ritratto di un non riconciliato con se stesso, di un gay non gaio, ma anche del glorioso periodo letterario della beat generation, il film di Epstein e Friedman è un genial ritratto che alterna aule di tribunale, soliloqui e cartoon.” (Corriere della Sera, stelle: 4)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.