Uncut - Member Only

Uncut - Member Only
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Uncut - Member Only

Ciccio, bloccato a letto per una frattura al femore, ha in testa solo una
cosa: trovare una donna che lo intrattenga in modo piacevole ! Comincia così una ricerca ossessiva, tra i tanti numeri di telefono, per portarsi sotto il lenzuolo un’ex fidanzata, un’amica, una vicina di casa. Tra le varie visite, che in modo tragicomico contribuiscono solo ad accrescere il suo desiderio, senza soddisfarlo, si presenta anche una poliziotta che lo interroga sulla scomparsa della fidanzata: Ciccio è il principale indiziato. Il possibile movente emerge dalle conversazioni telefoniche con una sconosciuta: l’insicurezza, il continuo tormento di un amore forse non corrisposto. Affiora cosi la commedia degli equivoci che vede Ciccio andare in bianco, essere accusato di omicidio e subire una certa variopinta “tortura” fisica e psicologica da parte delle sue tante donne e non solo. Perfino il suo amico ortopedico che va a trovarlo per una visita di controllo, vedendolo nudo e immobilizzato a letto, prova a fargli delle avances e per convincerlo ad accettare gli mostra il suo arnese già bello pronto all’uso, un arnese di tutto rispetto ! L’inquadratura si svolge di spalle, sicchè si vede l’uomo che sfodera l’arma e la fa ciondolare fra le gambe divaricate (un’inquadratura che ripaga delle deludenti manipolazioni di Ciccio sul proprio organo, quasi sempre parzialmente a riposo). In un vorticoso susseguirsi di eventi, tutti i misteri vengono risolti: l’identita della sconosciuta, la scomparsa della fidanzata e finalmente anche l’astinenza di Ciccio avra termine. (F.T.)

Condividi

Commenta


trailer: Uncut - Member Only

https://youtube.com/watch?v=tfg858y8pDg%26hl%3Dit_IT%26fs%3D1

Varie

“Lungo e ripetitivo piano sequenza hard. È un paradosso sessuale del 2002: 78 minuti di piano sequenza uncut, vale a dire senza tagli, sul membro di un uomo che, a letto fratturato, vuole però distrarsi. Lo si è visto ai festival di Locarno, Tribeca, Rio de Janeiro, col gusto dello scherzo senza rispetto proprio per il sesso. Versione decontestualizzata del moraviano Io e lui, il ripetitivo film è girato in poche ore e in due metri quadrati con l’esibizione paziente del divo hard Trentalance, che si molesta non poco: pene d’amor perduto. Zarantonello, film maker del Nord Est (suo l’horror da scuola Medley), provoca con atto d’orgoglio maschilista che non trova però nel cinema humour corrispondente all’ipotesi folle: ma uscirà negli Stati Uniti e poi, alè, anche in dvd. (Maurizio Porro, Il Corriere della Sera, 25 giugno 2005)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.