Tutto sua madre

Tutto sua madre
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT QQQ
  • Media voti utenti
    • (5 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Tutto sua madre

Esordio cinematografico di Guillaume Gallienne che traspone sullo schermo una sua opera teatrale di grande successo. Come riuscire a diventare un uomo quando vostra madre e tutti gli altri intorno hanno deciso diversamente? A questa domanda risponde il racconto tragicomico di Guillaume che parte dall’età di otto anni, quando tutti lo considerano omosessuale, fino a quando, all’età di 30 anni, incontra colei che, dopo sua madre, diventerà la donna della sua vita. Potrebbe sembrare la storia di un curioso coming-out eterosessuale, in realtà è la testimonianza di un uomo che ha sempre amato le donne, fin troppo. Il succo del film viene così spiegato dall’autore: “Il primo ricordo che ho di mia madre risale a quando avevo quattro anni. Lei ci chiamava a cena, io e i miei due fratelli, dicendo ‘Ragazzi e Guillaume, venite a tavola!’, e l’ultima volta che le ho parlato al telefono mi ha salutato con ‘Ti abbraccio, mia cara’. In entrambe queste due frasi c’è qualche malinteso”

Visualizza contenuti correlati

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 13/02/2014 al 16/02/2014 18 € 38.337 € 2.396
dal 6/02/2014 al 9/02/2014 17 € 69.339 € 2.568
dal 30/01/2014 al2/02/2014 19 € 115.126 € 2.677
dal 23/01/2014 al 26/01/2014 15 € 122.477 € 2.848

Condividi

3 commenti

  1. Un’ora e mezza di psicoanalisi. Confidandosi con il suo pubblico al teatro l’autore si autoanalizza cercando, come in una catarsi, di far emergere il suo ‘vero’ e profondo io.
    Le scene volutamente ironiche più che farmi ridere mi hanno suscitato pena (un moderno rag. Ugo…). Da vedere ma una sola volta basta

  2. Forse l’opera teatrale è più bella e interessante, ma il film non lo è affatto, non fa ridere né sorridere se non in un paio di occasioni. Bravo certamente Gallienne, che viene dalla Commedia dell’Arte francese, e si vede, ma il film mi è risultato noioso e a tratti irritante (sarà anche per quei capelli odiosi?).

  3. lo andrò a vedere quanto prima, sembra bello: credo sia molto importante scomporre i concetti di gusto sessuale ed identità sessuale e anche atteggiamento, sì, e quanti danni invece possono fare questi nessi non sempre veri e invece presunti tali come fosse scontato, con saccenza e senza porsi domande. E questo film promette di farlo, con ironia e per di più è una storia vera… Giudicherò meglio dopo averlo visto ma, aspetto con fiducia.

Commenta


trailer: Tutto sua madre

Varie

ARTICOLO di Laura Putti su La Repubblica del 30/12/2013

È un piccolo film, una commedia che in Francia ha già superato i due milioni di spettatori: Les garçons et Guillaume à table!(“I ragazzi e Guglielmo a tavola!”: in Italia uscirà il 16 gennaio come “Tutto sua madre”) non toccherà le vette commerciali di Quasi amici,ma scatenerà dibattiti su temi meno popolari, più delicati, come quello dell’identità sessuale. È infatti dalla frase del titolo che sarebbe stato meglio tradurre alla lettera – che inizia la storia di Guillaume, ragazzino timido in balia di un destino segnato dalla sua famiglia e dalla classe sociale alla quale appartiene: la grande borghesia francese. «Essermi ricordato di quella frase durante una seduta dallo psy è stata la chiave di volta della mia vita», dice Guillaume Gallienne, autore, regista e protagonista del film che lo racconta. All’inizio, però, fu una pièce teatrale – un monologo nel quale interpretava tutti i personaggi – con la quale l’attore girò i teatri francesi. Scritta nel 2008, la versione teatrale di Les garçons… Gli diede una tale popolarità che Gallienne ebbe diritto a un programma quotidiano durante il telegiornale-spettacolo di Canal Plus, e ancora oggi ha una sua trasmissione radiofonica durante la quale legge i testi che ama. Non ha mai rinunciato, però, alla Comedie-Française della cui troupe fa parte dal 1998 e della quale è una delle star.
Quella frase: “i ragazzi e Guglielmo a tavola!” la diceva sua madre, carattere forte, figlia di una nobildonna russa e di un francese diventato spia per gli inglesi in Spagna dopo il ‘38. Voleva forse dire che i due figli maggiori– belli, sportivi, maschili, tra loro poco più di un anno di differenza – erano “i ragazzi” mentre Guglielmo – timidissimo, meno bello e meno maschile – non lo era? «La mamma passava davanti alle nostre stanze. Io dormivo da solo, i miei fratelli insieme. La frase, senz’altro innocente, fu fondatrice. E in un momento tutti gli aneddoti della mia adolescenza che raccontavo a tavola agli amici morti dal ridere erano divenuti un unico flusso estremamente coerente. Mi sono chiesto: perchè non facevo parte dei ragazzi? Perchè ero un adolescente passivo, avevo paura di tutto e non avrei mai potuto corrispondere ai criteri maschili della mia famiglia ».
Nel film Guillaume Gallienne interpreta se stesso e anche sua madre senza mai renderla una caricatura. Le immagini cinematografiche si alternano a scene dello spettacolo teatrale grazie a un montaggio sapiente. E si ride moltissimo. Al giovane Guillaume capita di tutto: il padre scopre i suoi travestimenti femminili, si ritrova in Spagna (Gallienne è perfettamente trilingue: francese, inglese, spagnolo) in una situazione flamenca degna di Almodovar, poi in Inghilterra dove pensa di essere in un film di Ivory e s’innamora di Jeremy, bello come Rupert Everett, però eterosessuale. Alla fine, però, Guillaume incontra Amandine – monologo e film terminano così – e se ne innamora. Nella realtà l’ha sposata e oggi hanno un bambino di sette anni. «Il film non è un regolamento di conti. Trovo che sia una bella storia sulla differenza. Non rinnego la mia parte femminile, ma la vita ha fatto sì che mi sia innamorato di Amandine e che lei sia la donna per me. Se Jeremy mi avesse corrisposto, chissà, forse avrei vissuto un’altra storia».

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.