Trick

Trick
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBTGGG
  • Media voti utenti
    • (227 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Trick

Una favola che si svolge nell’arco di una notte a New York. Trick significa “inganno” ma anche “avventura notturna”. Un giovane scrittore di musical, timido e imbranato, incontra sulla metro un fantastico go-go boy che aveva ammirato poco prima in un locale gay. Incomincia la ricerca avventurosa e divertente del luogo dove poter consumare l’improvvisa passione .. .. Il regista gestisce con brillantezza una serie un po’ scontata di gag e scenette divertenti dove gli attori dimostrano una ben dosata verve comica. Ma sono tutti così belli i ragazzi a NY? (Alberto Magni)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

31 commenti

  1. TORELLOMI

    Una bella favoletta…pulita e onesta senza grandi pretese ma scorrevole e romantica, raccomandata sopratutto a chi ama il genere, raccontata comunque bene e con attori credibili

  2. Commedia abbastanza bella, si lascia guardare con piacere, ha dei dialoghi piuttosto azzeccati e mi è seriamente piaciuta. Ovviamente non è un opera d’arte, né vuole esserlo, ma davvero è carino.

  3. Film senza pretese, storia carina e attori discreti, ideale per una serata in cui non si ha voglia di impegnarsi troppo a guardare un film, c’è di meglio ma è comunque una commedia guardabile e scorrevole. Consigliato

  4. Una storiella leggera, e tranquilla, senza voler insegnare chissà cosa. Mi è piaciuto molto il finale. L’ho trovato onesto, perchè in fondo non crea aspettative di sorta.
    Tori Spelling è molto brava, e i 2 protagonisti ben caratterizzati.

  5. rinaldo720

    E’ un film carino, abbastanza leggero, e con uno dei due protagonisti veramente bello.
    Mi lascia perplesso nei 2-3 punti in cui si canta, un’omaggio alla tradizione americana del musical, che però mi lascia alquanto freddo.
    Leggero ma fatto bene e godibile

  6. istintosegreto

    Un’estenuante ricerca (infruttuosa) di un posto dove consumare l’avventura di una notte. Ne capitano di tutti i colori, ma, nell’arco di queste poche ore, l’attrazione tra i due ragazzi si trasforma in qualcosa di più. E alla fine, chissenefrega di consumare?
    Una commediola che ti riempie di gioia al punto da continuare a sorridere mentre guardi scorrere i titoli di coda.
    Bravissima Tori Spelling nella parte della cretinetta isterica. Peccato ci abbia fracassato le palle con Donna Martin per dieci anni.

  7. Classico esempio di film rovinato da un doppiaggio davvero pessimo… vergognoso… sono sempre più favorevole al solo utilizzo dei sottotitoli, sarà pur vero che si perde qualcosa della visione ma per il resto è tutto guadagnato.. in ogni caso film carino, niente di eccezionale ma sicuramente una visione gradevole e a tratti anche piuttosto divertente.

  8. Per chi non lo sapesse ancora, ma dubito che qualcuno non ci sia arrivato…. Jean Paul Pitoc è assolutamente ed inderogabilmente etero… e pure convinto. Io che non vuol dire che non sia molto gentile e simpatico (credo da quello che ho letto) con tutti i gay che cercano di intervistrlo o “conquistarlo”. Il film sarebbe una boiata se ci fosse una ragazza ed un ragazzo…. ma mi pare che ci siano due ragazzi nella parte della love story, ergo….
    Tori Spelling è assolutamente azzeccata e brava

  9. voglio la seconda parte sono rimasto un po deluso dalla fne lui gli da il nummero e scappa esi finischeil filmmm percheee io voglio vedere che fine fanno dopo uffaaa=;(((( mi vien dapiancere hooo!!!!!

  10. mariaaa che bllooo per chematk non e gay in realta percheee lo amo non i sono mai innamorat di un attore la prima volta mi succede vedendo questo film o mio diooo e un sogno quel !!!un giorno lo incontrero sicuramente nel laldila ='(

  11. ho visto ieri sera Trick. Una banalità desolante, personaggi stereotipati e psicologicamente inconsistenti… se al posto di due ragazzi ci fossero stati un ragazzo e una ragazza tutti lo avrebbero definito una boiata. E boiata comunque rimane… peccato…

  12. Melanie26

    Caro vekkio Trick! E’ stato il primo film gay k abbia mai visto ci sono troppo affezionata…Di certo non è il migliore dei film a tematica,ma comunque mooolto divertente!!

  13. molto piacevole…..l’amore può nascere da una scopata, un trick? un film che parla dei gay senza mistificare. Spero che a sette anni di distanza marc e gabriel siano ancora insieme , felici come nelle favole

  14. De La Croix

    Eh si…il romanticismo è il tema portante, quanto mi è piaciuto lo sviluppo della storia, si parte dalla disperata voglia di scopazzare per poi arrivare al sentimento, talmente vero e profondo da far si che ognuno dei due protagonisti si mettesse in discussione per l’altro. Purtroppo devo dire anche io che nella realtà chi si mostra per stronzo dall’inizio poi lo rimane fino alla tomba. Nella realtà miss Coco Perù, reincontrando Gabriel, avrebbe potuto davvero dirgli “Te l’avevo detto io!”. Ma come si dice, mai dire mai…

  15. Davide-by-gallarate

    L’ho visto ieri sera per la prima volta, giuro che mi è piaciuto un sacco. Credevo fossero quei soliti film che, visto che parlano di gay, allora ci devono essere per forza sco**te e sesso. Invece qui c’è solo l’amore che scoppia tra i due protagonisti. Rivendendo poi alcune scene mi sembra di rivivere alcuni momenti della mia vita..mannaggia..me li ha fatti ricordare:-P. No per finire è da avere veramente in casa..e jarod ti do ragione..mai che accadessero nella realtà!! un beso a todo!

  16. Molto bello mi è piaciuto un sacco. secondo me la commedia romatica gay per eccellenza,mi sono emozionato in certi punti e mi ha suscitato vecchi ricordi,purtroppo però i “cattivi ragazzi”nella realtà resta cattivi come nella descrizione della drag queen(doppiata da Platinette)ma questo film fa sperare e sognare!

  17. Film molto semplice e fresco che affronta la tematica omosessuale. Mi ha colpito perchè, nonostante non sia un capolavoro, parla dell’amore tra due ragazzi in maniera molto naturale e senza ricadere nell’ormai solita psicanalisi dei personaggi gay.

  18. film senza troppe pretese ma carino da morire; sarebbe buona cosa comprare il DVD e tenerlo nella propria videoteca! Romantico e dolce, per nulla volgare, una bella favola insomma! Ma certe storie succedono solo nei film? (Sigh!)…

  19. Charlye

    Io ho visto TRICK un sacco di anni fà, ma lo consiglio vivamente a tutti gay e non non è un film eccezzionale ma si lascia guardare piacevolmente, eppoi MArk……bè va visto almeno una volta nella vita ehehehe ciaoooooooooooooo

Commenta


Varie

Aspirante musicista, il giovane Gabriel segue un corso per compositori a Broadway. All’amica Katherine, ragazza volitiva ed estroversa, confida di avvertire dentro di sé tensioni omosessuali che per il momento lo rendono molto incerto e confuso. Gabriel divide un appartamento con Rich. Una sera, entrato in un piccolo locale per gay, conosce Mark, fa amicizia con lui, lo invita a casa. Qui dopo un po’ arriva anche Rich insieme a Judy. Anche lui vuole rimanere solo e ci riesce dopo aver vinto un sorteggio con l’amico. Gabriel e Mark allora escono, Gabriel pensa di aver trovato un altro appartamento ma anche questa occasione sfuma. Entrano allora in un altro locale. Qui, in un momento di pausa, Gabriel è avvicinato da Coco, che lo mette in guardia circa i comportamenti di Mark. Gabriel scappa, Mark lo raggiunge, tornano a casa per cercare le chiavi di Mark. Judy litiga con Rich e va via, Mark trova le proprie chiavi e si allontana. Gabriel lo insegue, entrano in un altro locale, dove incontrano Katherine e alcuni amici. Dopo molte chiacchiere, gli altri vanno via. Gabriel e Mark rimangono soli. Escono quando ormai sta spuntando l’alba. Si salutano, e Mark, che vive con la mamma, gli lascia il numero di telefono. Passano pochi istanti e Gabriel in una cabina compone il numero dell’amico. Sente la sua voce in segreteria che risponde e riattacca contento.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.