Trainspotting

Trainspotting
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (20 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Trainspotting

“La verità è che sono cattivo, ma cambierò. E’ l’ultima volta che faccio cose del genere. Mi sto ripulendo e sto andando avanti per rigare dritto. Non vedo l’ora di farlo già adesso. Sarò esattamente come voi: il lavoro, la famiglia, un cazzo di televisore gigante, la macchina, l’apriscatole elettrico, buona salute, colesterolo basso, mutuo prima casa, moda casual, telequiz, cibi surgelati, la partita, macchina lavata , Natale in famiglia, pensione privata, esenzioni fiscali lontano dai guai, a tirare avanti, guardando davanti, al giorno in cui morirai”. Dal romanzo “Trainspotting” di Irvine Welsh un film che è già leggenda, con un cast straordinario.

Condividi

5 commenti

  1. thediamondwink

    conturbante, esagerato, estremo! un film in cui si potrebbero trovare miliardi di spunti da commentare, e miliardi di motivazioni, al tempo stesso, per criticare la trasposizione del libro. Ma racconta della vita, quella vita fatta di droga, falsità, bugie e ‘pessimi’ momenti, quella vita che ci riguarda indirettamente e che spesso facciamo finta di ignorare perchè fintroppo facile. Non c’è nessun riferimento all’omesessualità nel film, ma questo non mi ha impedito di finire di guardarlo, anche perchè coinvolgente e differente dai soliti standard. Ottimi gli attori, mi sono piaciuti molto, un film da vedere!

  2. magnifico, illuminante, straordinario, stupefacente questo film! cavolo, ‘sto film m’ha proprio lasciata estasiata! gli attori sn grandiosi, sopratt miller k nn è un attore assai famoso se nn per “eli stone”.
    cmq una “G” per un bacio k si danno a inizio film spud e sick boy, drogati? è tt lì il riferimento gay, ank se nn è k fosse proprio un bacio da intendersi gay…cmq fantastico^_^

Commenta


Varie

Il giovane Mark Renton scappa per le strade di Edimburgo, inseguito da due guardie di un grande magazzino. Fuggendo perde oggetti rubati. Mark è uno di quei ragazzi, come ricorda una voce fuori campo, che hanno rifiutato la schiavitù degli oggetti per dedicarsi ad una onesta e sincera tossicodipendenza. Mark non è solo, vive insieme ad un gruppo di amici ai margini della società; Begbie, uno psicopatico violento ed alcoolizzato, Spud, eroinomane, Sick Boy, uno in grado di tenere sotto controllo la propria dipendenza dall’eroina; e Tommy, che fa di tutto per non cedere a sua volta alla droga. Nel gruppo si inseriscono alcune presenze femminili: Lizzy, la ragazza di Tommy; Gail che sta con Spud; Allison, che non ha un rapporto fisso ma è impegnata ad accudire la figlia di poco più di un anno. Come già in altre occasioni, Renton decide di smetterla con l’eroina e Sick Boy lo segue. L’ufficio per il sussidio di disoccupazione chiama lui e Spud ad un colloquio di assunzione, ma i due fanno in modo di rispondere negativamente alle richieste. In crisi di astinenza, Renton incontra Diane, la accompagna a casa e passa la notte con lei. Svegliatosi al mattino, in cucina trova i genitori di lei, che si rende conto essere minorenne. Poi Renton ruba a casa di Tommy un video in cui lui e Lizzy fanno l’amore. Lizzy si arrabbia e molla Tommy che, depresso, chiede un po’ di eroina a Renton, che nel frattempo ha preso la decisione di ricominciare. Comincia allora una serie di furti e saccheggi nei negozi. Spud va in galera, Renton, dopo aver passato qualche tempo dai genitori, va a Londra e trova un lavoro in un’agenzia immobiliare. Ma all’arrivo improvviso dei suoi amici manda tutto all’aria. Perso il lavoro, tutti tornano a Edimburgo, anche per partecipare ai funerali di Tommy. Quindi i quattro (Begbie, Renton, Sick Boy e Spud) vanno di nuovo a Londra, dove c’è la possibilità di vendere un grosso quantitativo di eroina ad un ottimo prezzo. L’affare va in porto. Durante la notte, in albergo, Renton toglie la borsa con i soldi a Begbie e scappa insieme a Spud, dopo aver sottratto il passaporto a Sick Boy. Finalmente libero dalla presenza ossessiva dei suoi compagni, Renton si confonde nella folla. E la voce fuori campo informa che d’ora in poi vivrà come tutti, con il lavoro, la famiglia, il televisore e tutto il resto.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.