Tony Patrioli

Tony Patrioli
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
Varie

Cast

Tony Patrioli

Sono due film diversi, indipendenti uno dall’altro, anche se hanno lo stesso soggetto.
Tony Patrioli (a colori) 95′ – Libere conversazioni con Tony Patrioli, il primo fotografo italiano di nudo maschile dagli anni ‘60, storico fotografo del mensile Babilonia che ha pubblicato i suoi libri e servizi fotografici sia in Europa che negli Stati Uniti. Prima di Mapplethorpe e dopo Wilhelm Von Gloeden, Patrioli ha vissuto un rapporto professionale e di complicità coi suoi modelli, in parte simile a quello di Pasolini coi suoi ragazzi di vita. In questa parte a colori si alternano interventi del fotografo e critico d’arte Luigi Mazzoleni, dello storico di cultura gay ed ex editore di Babilonia Giovanni Dall’Orto e del modello preferito di Tony, Bruno. Un mix di avventure tragicomiche, drammi e riflessioni su religione, eutanasia, sull’essere gay negli anni ‘50-‘60-‘70 e sulla censura americana di George Bush. Il tutto alla presenza del più grande amico di Tony: un cane bastardino di nome Tony Bau. (SQFF)
Tony Patrioli (in bianco e nero) 88′ – il film presenta le foto storiche, le storie dietro esse, il suo nascere da una ragazza madre e la difficile infanzia, gli incontri con Joe Staiano e La contessa. Il rapporto tra le foto artistiche, i ritratti e le foto porno fatte per sopravvivenza. Drammi, aneddoti, esperienze a fior di pelle del fotografo le cui foto hanno preso l’aggettivo di patriolesche visto il loro marchio distintivo e originale.

Condividi

Un commento

Commenta


Varie

TONY PATRIOLI (a colori)
Italia 2015/ 95′
Con Tony Patrioli, Giovanni Dall’Orto, Luigi Mazzoleni, Bruno Muller
Sceneggiatura, riprese e regia Tiziano Sossi

Libere conversazioni con il fotografo Tony Patrioli, il primo fotografo italiano di nudo maschile dagli anni 60, storico fotografo del mensile Babilonia, che ha pubblicato i suoi libri e servizi fotografici sia in Europa che negli Stati Uniti. Prima di Mapplethorpe e dopo Wilhelm von Gloeden, Patrioli ha vissuto un rapporto professionale e di complicità coi suoi modelli, in parte simile a quello di Pier Paolo Pasolini coi suoi ragazzi di vita. In questa parte a colori interventi del fotografo e critico d’arte Luigi Mazzoleni, dello storico di cultura gay e ex editore di Babilonia Giovanni Dall’Orto e del modello preferito di Tony, Bruno, che dopo molti anni lo ha rintracciato su internet ed è ricominciata l’amicizia. Avventure tragicomiche, drammi e riflessioni su religione, eutanasia, l’essere gay negli anni 50-60-70 e la censura americana di George Bush contro le sue foto quelle di Von Gloeden e Will McBride. La visita negli Stati Uniti a New York e Baltimora, i problemi alle dogane, rapporti con la polizia, ragazzi che hanno cercato di estorcergli denaro. Una disavventura all’Hotel de Milan dove lavorava da giovane e molto altro. Immagini scattate da Patrioli su riviste e pubblicate sui libri. Inoltre il suo più grande amico, un cane bastardino di nome Tony Bau.

TONY PATRIOLI (in bianco e nero)
Italia 2015/ 88′

Con Tony Patrioli, Giovanni Dall’Orto e Luigi Mazzoleni
Sceneggiatura, riprese e regia Tiziano Sossi

Libere conversazioni con il fotografo Tony Patrioli, il primo fotografo italiano di nudo maschile dagli anni 60, In questo documentario in bianco e nero, le foto storiche, le storie dietro esse, la sua nascita da ragazza madre e la difficile infanzia, le percosse della maestra, gli incontri con Joe Staiano e il rapporto di amicizia e convivenza con “La contessa”. La scuola di fotografia dove ha reagito al razzismo verso l’omosessualità con una vendetta sottile e divertente. Il rapporto tra le foto artistiche, i ritratti e le foto porno fatte per sopravvivenza. Le pubblicazioni su “Homo”, “Doppio senso” e poi con “Babilonia. Drammi, aneddoti, esperienze a fior di pelle del fotografo le cui foto hanno preso l’aggettivo di “patriolesche” visto il marchio distintivo ed originale delle sue creazioni. Un episodio divertente di quando usava una latteria come studio fotografico. Le foto dall’archivio personale e dai vari libri pubblicati dalle edizioni di Babilonia.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.