Tinta Bruta

Tinta Bruta
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
Guarda il trailer

Cast

Tinta Bruta

Film vincitore del Teddy Award alla Berlinale 2018 e del Lovers Film Festival di Torino 2018. Pedro si guadagna da vivere nelle live chat room. La risoluzione dell’immagine può non essere perfetta, ma quando Pedro si trasforma in NeonBoy davanti alla webcam, ottiene l’effetto desiderato. Lentamente, questo giovane uomo lascia le sue dita vagare in diversi vasi di vernice fosforescente e poi sul suo corpo nudo. Illuminato nel buio, NeonBoy segue le istruzioni degli utenti e alla fine incontra per soldi uno di loro in una chat privata. Ma le cose cambiano quando la sorella di Pedro Luzia lascia l’appartamento che condividevano e Pedro si rende conto che qualcuno, della sua stessa città, sta imitando i suoi spettacoli. Prende allora un appuntamento con il misterioso rivale. Questo rendez-vous avrà conseguenze sentimentali e lavorative di vasta portata. Come nel primo lungometraggio del duo registico Felipe Matzembacher e Marcio Reolon, ‘BEIRA-MAR’, siamo ancora a Porto Alegre nel nord del Brasile, dove osserviamo giovani queer in cerca di intimità, comunità e sicurezza. Le immagini virtuali elegantemente montate e le storie dei protagonisti potrebbero condurci lontano dal mondo reale, ma rimaniamo purtroppo in una società brasiliana sempre più omofobica verso quegli strani personaggi a cui questo ritratto in tre atti è dedicato con grande tenerezza e sensibilità. Presentato nella sezione Panorama della Berlinale 2018

synopsis

While facing criminal charges, Pedro must grapple with his sister’s sudden decision to move away and leave him behind. Alone in the darkness of his bedroom, he dances covered in neon paint, while thousands of strangers watch him via webcam.

Condividi

Commenta


trailer: Tinta Bruta

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.