Therese and Isabell

Therese and Isabell
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT LLL
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Therese and Isabell

In un viaggio, col fidanzato, per andare a sposarsi, Thérèse sosta, lungo la strada, nel collegio in cui era vissuta da ragazza, rivivendo momento per momento una sua “amicizia particolare”. Affidata all’istituto da sua madre, in procinto di unirsi in matrimonio con un uomo facoltoso, Thérèse ha ben presto trovato conforto al suo dolore nell’amicizia di una sua coetanea, Isabella, e, a parte una fuggevole conoscenza maschile, si è dedicata a lei anima e corpo. Un giorno, avuto il permesso di uscire dal collegio in seguito a un banale incidente, Isabella conduce la sua amica in un albergo equivoco, ma Thérèse rimane così disgustata dall’ambiente, che l’incontro finisce in un litigio, subito spento. Successivamente durante una lezione, accortasi dell’assenza di Isabella, Thérèse si rivolge al portiere, apprendendo che la sua amica se ne é andata con la madre, per sempre. Sconvolta, si getta piangendo su una panchina, finché una bambina non l’invita a giocare. Thérèse, ritrovato il sorriso, accetta: un periodo della sua vita è così finito. (cinematografo.it)

Condividi

4 commenti

  1. Grazie Saula! Sei fantastica! 🙂 L’hai già messo su emule? Hai visto il film ‘Vivere’ della Maccarone che ti avevo consigliato? Per caso hai creato i sub anche per quello?

  2. Saula85

    film antico e in bianco/nero. ma più attuale che mai e che arreca una sonora lezione a la maggior parte dei movie saffici. meraviglioso.
    io ho creato subs in ita ma la fortuna è che questo film non esiste storpiato e distorto dal doppiaggio italiano

  3. morgause

    il romanzo scritto magistralmente dalla Leduc colpisce x la visionaria lucidità con cui ci descrive la scoperta della sessualità da parte delle 2 adolescenti.
    erotismo e fanciullezza si fondono in un alchimia di passionalità ed emozioni forti,contrastanti..
    perversamente innocente.sensuale.denso.

Commenta


Varie

Il film è tratto dal romanzo “”La bastarda” di Violette Leduc (adattati da Jesse Vogel) che cedette i diritti a patto che il regista non girasse sconcezze: e di fatto, oggi, un film così non incontrerebbe nessun problema di censura. In compenso tediano presto il tono serioso, il pedante gioco dei flashback, la staticità, lo stucchevole estetismo, la goffaggine delle due attrici molto più grandi dell’età dichiarata; e la musica pomposa di Auric rende ridicole le modeste arditezze. (P. Mereghetti)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.