The Terrorists

The Terrorists
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GG
  • Eros
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer

Cast

The Terrorists

Il documentario di Thunska Pansittivorakul affronta, con un approccio estremamente personale, le proteste di piazza che nella primavera del 2010 hanno incendiato Bangkok. Le rivendicazioni dei cosiddetti “Red Shirts” danno il la a una riflessione autobiografica e sperimentale.
Da quando le piazze e le vie principali di Bangkok hanno assistito alle dure rivendicazioni dei membri dell’UDD (United Front from Democracy Against Dictatorship), soffocate in aspri e sanguinosi scontri con l’esercito, non è passato nemmeno un anno. Eppure, soprattutto in occidente, nessuno sembra averne più memoria: una delle aree geografiche più importanti del sud-est asiatico continua a vivere sul baratro, a pochi passi dalla definitiva discesa nella guerra civile, e in pochi sembrano averne a cuore le sorti. Non è dunque forse casuale che The Terrorists, quinto lungometraggio del trentottenne cineasta thailandese Thunksa Pansittivorakul, si apra nel nero di una notte senza luna: su una piccola imbarcazione tre uomini sono impegnati nella pesca… The Terrorists è un’opera ondivaga, razionale e appassionata, che attraverso l’arma del documentario si propone anche come diario autobiografico e riflessione sul corpo sociale di un paese che vive (come molti altri, c’è da sottolinearlo) in una condizione di libertà illusoria, dal vago retrogusto liberalista… Album di famiglia che è anche libello politico e rivoluzionario, The Terrorists si presenta con forme inusuali, almeno per quel che concerne l’idea di prammatica che si può avere dell’arte documentaria: al doveroso ricordo dei caldi giorni dell’aprile e del maggio del 2010, con tanto di riprese in stile “guerrilla movie” fra i manifestanti, Thunksa affianca un’articolata e perfino estenuante messa in scena del corpo, che raggiunge il proprio apice nella lunga sequenza della masturbazione, sovrastata dalla voce narrante che ricorda le azioni diffamatorie e le demonizzazioni da parte dell’estrema destra cui è andato incontro il movimento di piazza. Un movimento composto da contadini, operai e pescatori, ma anche da intellettuali, studenti universitari, comunisti, omosessuali, elementi della società contro cui si è scagliata senza esclusione di colpi la campagna mediatica della destra reazionaria e realista, pronta a mettere in allarme la popolazione contro chi, a detta loro, voleva intaccare la moralità “politica, religiosa e monarchica” della nazione. La resistenza alzata come un vessillo da Thunska Pansittivorakul non passa solo per la politica, ma è anche sessuale, con l’omoerotismo che si trasforma in simbolo di una radicale presa di posizione, anche e soprattutto intellettuale. Magmatico e sorprendente viaggio nelle pieghe di una realtà a noi prossima ma completamente abbandonata al proprio destino. (Raffaele Meale, Cineclandestino.it)

Condividi

Commenta


trailer: The Terrorists

http://www.traileraddict.com/emd/35847

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.