Tè e simpatia

Tè e simpatia
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GG
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Tè e simpatia

Il film è basato sulla omonima commedia di Robert Andersen, dove però il protagonista Tom era realmente un omosessuale che preferiva i libri alle donne. Il regista Minnelli, causa le insistenze dei censori, trasforma il giovane Tom in un ragazzo etero che è erroneamente sospettato di omosessualità e per questo tormentato dai compagni di scuola. Sono passati più di cinquant’anni dall’uscita di questo film ma le cose raccontate si possono leggere ancora nelle cronache scolastiche di oggi. Tom è cresciuto senza la madre e con il padre spesso assente per cui ha dovuto imparare a cucinare e a cucire e considera queste cose normali. In una delle prime scene del film vediamo Tom aiutato a mettersi il costume della recita dalla signora Laura, moglie del direttore della scuola, con la quale entra subito in forte sintonia. Quando i compagni lo vedono nel dormitorio che sta cucendo un bottone sulla camicia iniziano a sfotterlo chiamandolo “sorellina” (sister boy). Il pensiero che Tom sia omosessuale (la parola non viene mai pronunciata) sembra mettere tutti, giovani e adulti, nel panico. La loro angoscia si trasforma facilmente in crudeltà. Per dimostrare la sua virilità Tom farà visita a Ellie (Crane), una prostituta locale. Ma quando anche Ellie lo umilia, preso dalla collera cerca di suicidarsi con un coltello della cucina. Quando Laura viene a conoscenza dell’accaduto decide che è ora di mettere fine ai tormenti di Tom ricambiando il suo amore. Dormendo con lui (fuori scena naturalmente) avrà coraggiosamente salvato la vita del ragazzo al prezzo di rovinare la sua. Una evidente ironia della storia è che il marito di Laura si rifiutava di dormire con lei. Tom risulata alla fine essere l’unico vero uomo del film.

Condividi

Commenta


Varie

Tom Robinson Lee è un ragazzo diverso dagli altri: non ha molti amici nel collegio dove è iscritto, non pratica alcuno sport e non ha la passione per gli allenamenti e per i giochi violenti. Tom preferisce trascorrere il tempo libero da solo, leggendo libri che non interessano la maggior parte dei suoi compagni e ascoltando musica sinfonica. Tutti i ragazzi lo prendono in giro e il direttore del collegio, vedendolo così diverso, equilibrato e maturo, non si preoccupa di seguire i suoi stati d’animo. L’unica persona che sembra interessarsi a lui e ai suoi pensieri è Laura Reynolds, la moglie del direttore. Quando Tom viene colto da una profonda depressione da cui non riesce ad uscire, Laura non lo abbandona e gli rimane vicino, confortandolo e dandogli risposte importanti. Alla fine del college, Tom diventerà uno scrittore di successo e, tornato a visitare il luogo dei suoi studi, ricorderà la figura di quella donna così determinante per la sua formazione, che lo ha aiutato a crescere e lo ha lasciato libero di uscire dalla sua vita. (Cinematografo)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.