Streamers

Streamers
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (10 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Streamers

Due giorni in un campo di addestramento militare Usa durante la guerra del Vietnam: tensioni sociali (borghesi contro proletari), razziali (bianchi contro neri), e sessuali (eterosessuali contro omosessuali) sfociano nella tragedia. Da una vecchia (1975) commedia di David Rabe, adattata dall’autore: nulla di nuovo, anche se Altman evita il finto naturalismo e l’enfasi didascalica del teatro filmato. Meno interessante tuttavia di altre operazioni analoghr drl regista, come Jimmy Dean, Jimmy Dean e Terapia di gruppo. Gli streamers sono i paracaduti cui non si apre l’ombrello. Premio collettivo per la migliore interpretazione al festival di Venezia.

Condividi

6 commenti

  1. istintosegreto

    Caro Daniele, a me invece sembra che l’omofobia sia solamente un ripiego. Un modo per sfogare l’aggressività generata dalla paura della guerra. Proprio questo terrore latente (e a sprazzi evidente) è il cardine della narrazione. Non basta un personaggio effeminato per giustificare 3 G. Per quanto riguarda la tua differente opinione sul film e sul regista… massimo rispetto. Un saluto:)

  2. daniele

    Beh, istintosegreto io credo che il film meriti assolutamente la categoria in cui è stato inserito. Penso che proprio l’omosessualità/omofobia sia il motore principale della narrazione che porta ad una dolorosa e violenta conclusione. Forse l’assetto teatrale può dare un po’ quella sensazione di artificioso di cui tu parli, ma i personaggi a me risultano credibili e tristemente realistici.
    Bella anche la metafora del paracadute… Vabbé, insomma, a me Altman piace 😛

  3. istintosegreto

    La pièce teatrale non la conosco, ma il film in oggetto è da evitare.
    Dialoghi affettati e personaggi costruiti in modo artificioso. A tratti le situazioni sfiorano il ridicolo più che il grottesco. Non ho mai amato Altman e, dopo la visione di questo film, lo amo ancora meno. Vorrei infine che qualcuno mi spiegasse come mai è stato inserito tra i film a tendenza gay.

Commenta


Varie

Il film, tratto dall’omonimo testo del drammaturgo David Rabe, si svolge in un unico ambiente: una camerata militare degli Stati Uniti, nell’anno 1965. Un gruppo di giovani, richiamati alle armi, sono in attesa di essere mandati nel Vietnam. Il film si apre sull’atmosfera snervante di uno stanzone semideserto, con qualche soldato che dorme, qualche altro che gioca a carte. Ad un tratto, uno dei giovani entra nelle docce e si taglia le vene con una lametta, ma viene subito soccorso da un compagno. Poi il film è centrato sulle reclute Billy, un intellettuale di provincia, Roger, un negro dal carattere conciliante, e Ritchie, un omosessuale che si diverte a provocare Billy, senza però scoprire troppo il proprio gioco. I tre soldati scherzano, chiacchierano, si prendono in giro con un frasario intessuto di termini grevi, proprio del gergo da caserma. A loro si aggiungono, con una funzione narrativa collaterale, due sergenti veterani che raccontano di eroiche gesta compiute in Indocina, ma in realtà lasciano intravvedere l’ossessione, i rimorsi e la paura che l’esperienza della guerra ha impresso nella loro mente. Essi cantano in coro, ubriachi fradici, “Beautiful Streamers”, la canzone parabola del soldato quando in volo si accorge che il suo ombrellone di seta non si aprirà e aspetta di conficcarsi “come un chiodo nella terra”. Da qui il titolo del film che, in gergo militare, indica i paracadutisti che precipitano al suolo. Le schermaglie tra Billy, Roger e Ritchie si trasformano ben presto in uno scontro con accuse, allusioni e offese reciproche. A far precipitare tale convivenza, ormai ai limiti della rottura, avviene l’irruzione nella stanza di Carlyle, un altro soldato nero, che fa esplodere con la sua aggressività, quelle passioni fino allora appena trattenute. Sotto l’influsso catalizzatore di Carlyle, si instaura un crescendo di tensione, una pericolosa spirale di violenza in cui tutti si lasciano trascinare senza saper controllare e capire quando sta loro accadendo. Carlyle, ormai alla pazzia per la paura della guerra e l’insofferenza della vita militare, accoltella Bilty e uccide il sergente ubriaco che gli si para dinnanzi, mentre Roger e Ritchie rimangono stralunati a contemplare la desolazione del loro stato. Proprio come accade per i paracadutisti che si ritrovano nel vuoto senza capire quello che sta loro avvenendo, così i protagonisti del film si sono lasciati trascinare verso la morte e l’autodistruzione.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.