Stare fuori

Stare fuori
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GG
  • Media voti utenti
    • (20 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Stare fuori

Esordio nel lungometraggio di Fabiomassimo Lozzi (scrittore, sceneggiatore e autore finora soprattutto di documentari e corti) che -dichiaratamente- intende rendere omaggio al melodramma tipico degli anni Cinquanta (più a quello americano che a quello italiano).
Rappresentante più che degno del cinema indipendente d’autore italiano, in questo lavoro Lozzi si è impegnato al massimo sia dal punto di vista formale che contenutistico (ma è il primo aspetto a risultare il più riuscito).
Amore folle e morboso, sesso disperato, ossessioni, sentimenti esasperati, allucinazioni, lacrime a piè sospinto, fughe, rimpianti, morte (nonché omosessualità) sono i temi portanti: non tutto è chiaro e coerente nella narrazione (ispirata a un fatto realmente accaduto una ventina d’anni fa) con il suo mix di kitsch, commedia, tragedia, deliri, lutti, sofferenze varie, amori materni e amori passionali… ma è indubbio che il film coinvolge (e commuove in più di un punto) grazie anche a una raffinata regia e a uno stuolo di attori da applaudire incondizionatamente (benché sia forse da rimproverare una certa impostazione eccessivamente teatrale).
Un film surreale e delirante (con un’intensa e suggestiva colonna sonora) dove tutto è eccessivo ed estremo (in diretta polemica con il generale piattume che ci circonda?) che si differenzia -coraggiosamente- dalla corrente produzione italiana… basterebbe solo questo per renderlo degno di nota. (Cineocchio.org)

Il regista, gay dichiarato che vive a Londra col suo compagno, è al suo secondo lungometraggio dopo il film a tematica “Altromondo”.

Condividi

6 commenti

  1. Marcostefano

    Film veramente molto bello, interessantissimo, diverso dai tanti film italiani piatti e televisivi, realizzato con grande stile cinematografico. La storia è appassionante e tragica. La Jelo è bravissima, da brividi, come pure Federico Pacifici, commovente nella parte del marito, il personaggio più interessante del film insieme all’editore interpretato dal bell’Alessandro Riceci, bravo e toccante. Ma soprattutto bellissimo Ivo Micioni, intenso nel difficile personaggio ossessionato da una passione delirante che si rivela essere un alibi. Un nuovo volto del cinema italiano che non ha paura di mostrarsi in molte scene di nudo integrale (che gli fanno onore), ma che dimostra capacità di ottimo interprete. Musiche, fotografia, scene e costumi sono tutti di prim’ordine. Un’opera prima da non perdere assolutamente , soprattutto per chi ama l’originaltà, lo sile, il cinema europeo e quello di una volta.

  2. E’ un piccolo gioiello per il cinema italiano di oggi. E se il protagonista è bravo ma senza nulla togliergli soprattutto bello, la vera artista a 360° del film è Guia Jelo, straordinaria nella sua follia e nella sua “sicilianità”. Lo consiglio e mi dispiace che questi film passino quasi inosservati nelle sale italiane per far gran posto a grandi sciocchezze di cinepanettoni.

  3. gayfriendly

    Certo che ci vuole coraggio a mettere quelle due brutte recensioni, compresa quella di un ignorante giornale di destra piuttosto omofobico (vedi il banale commento sulla nudità maschile del protagonista). Sui giornali e su internet ci sono ben altre recensioni più serie e approfondite che ti fanno capire che si tratta di un film molto bello, commovente e intelligente. Io l’ho scoperto ieri sera senza sapere nulla e l’ho trovato stupendo. Giudicatelo voi invece di far parlare gli omofobi al posto vostro.

Commenta


trailer: Stare fuori

https://youtube.com/watch?v=LPLhffuVVW0%26hl%3Dit%26fs%3D1

Varie

Giulio (Ivo Micioni) è un giovane ragazzo siciliano follemente innamorato di Aurora (Nausica Benedettini), bellissima compaesana che decide pero’ di cercare lavoro (e fortuna) a Roma. La partenza spezzerà il sogno d’amore di Giulio. Per cercare di ricucire il rapporto, il ragazzo parte alal volta della capitale, dove viene ospitato da una coppia di amici di famiglia, Eugenio (federico Pacifici) e Rosalia (Guia Jelo). Quest’ultima si affeziona in modo maniacale al ragazzo, dopo che qualche anno prima ha perso il giovane figlio in. Giulio, ossessionato dalle attenzioni della donna, cerca conforto nell’estenuante “caccia” all’amata per le strade di Roma. Nemmeno il il ricongiungimento dei due riuscirà pero’ a sanare una situazione che volge al tragico per tutti i loro ignari prootagonisti.

———————————–

Dalla Sicilia a Roma, il giovane Giulio (Ivo Micioni) viene ospitato da Eugenio (Federico Pacifici) e Rosalia (Guia Jelo), un’amica della madre, che vive turbata dalla morte del figlio. Ma anche il ragazzo ha dei grossi problemi, ossessionato da un amore finito male che cerca di recuperare nella capitale. In un marasma di pasioni estreme il film ondeggia tra il torbido mélo erotico e il patologico onirico, con una curiosa – anche perché non sempre motivata da necessità narrative – ottica omofila. Se le intenzioni e le ambizioni di Lozzi sono tutt’altro che banali o corrive, strumenti e senso della misura non gli vengono qui in soccorso. (Massimo Lastrucci, Ciak)

Si vorrebbe vedere di più Nausicaa Benedettini, si vede anche troppo Ivo Micioni. Ma «auctoritas, non veritas, facit legem», quindi è il regista a decidere quali corpi esplorare con la macchina da presa. Così Stare fuori esibisce solo o fresche membra virili o stanche forme femminili. In una vicenda al confine fra triste gayezza e normalità per pura necessità, Ivo Micioni – alter ego del regista e sceneggiatore – migra dalla Sicilia a Roma. Apparentemente cerca la fidanzata (la Benedettini), in sostanza stenta ad ammettere l’omosessualità. In un ruolo secondario s’intravede il remoto splendore della dea dell’erotico all’italiana: Dagmar Lassander. (Il Giornale)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.