El Sexo de los ángeles

El Sexo de los ángeles
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Eros
  • Media voti utenti
    • (7 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

El Sexo de los ángeles

Bruno (Llorenç González) e Carla (Astrid Bergès-Frisbey) sono una coppia di ventenni che, nonostante qualche attrito, si amano e si considerano felici. Carla è una ragazza ribelle ed estroversa, senza pregiudizi sessuali, che crede nella libertà. Ama sinceramente Bruno e le piace la stabilità sentimentale. Lavora come fotografa di una rivista universitaria che ha creato insieme ad alcuni amici. Bruno invece è introverso, disciplinato e responsabile. Carla è stata la sua prima ragazza, sono fidanzati da quando erano giovanissimi. Bruno ama la musica hip hop e lo sport. A volte si sente insicuro e troppo prudente, ma è sempre tenero e sentimentale. Proviene da un’umile famiglia e studia educazione fisica grazie ad una borsa di studio. Un giorno entra nelle loro vite Rai (Álvaro Cervantes, premiato per questo film al Málaga Spanish Film Festival), un affascinante giovane, carismatico e avventuriero. Seduce quasi tutti coloro che lo conoscono, donne e uomini. Di lavoro fa il breaker e l’insegnante di karate. E’ un autodidatta, si è fatto da solo, è un tipo appassionato e calcolatore. Un giorno, senza badare alla presenza di Carla, Bruno e Rai si baciano. Bruno adesso è incerto, sente qualcosa di nuovo dentro di sè. Ha paura ma non vuole perdere l’amore di Carla. Carla vorrebbe abbandonare tutti, ma qualcosa la trattiene… Nel film è presente anche un personaggio gay dichiarato, Dani (Marc Pociello), orgoglioso di essere omosessuale e militante del movimento gay. E’ il redattore capo della rivista studentesca dove lavora Carla, studia giornalismo, è sfacciato, provocatore e promiscuo (sempre in cerca di avventure). Abita insieme ad Adrian, il direttore della rivista. La tematica del film, che ci mostra il passaggio da una storia dove una persona ama due persone per arrivare poi alla creazione di un triangolo poliamoroso, non è nuovissima al cinema, basti pensare a “Cold Showers” o a “Threesome”, ma questo film ha alcuni meriti che risiedono soprattutto nella freschezza e nella spontaneità delle situazioni raccontate, oltre che nella struttura narrativa, che si sviluppa in tre tempi, mostrandoci i punti di vista dei tre personaggi, attraverso un montaggio vivace e intrigante. Peccato che la parte omo sia un po’ sacrificata, almeno nelle immagini, lasciando intuire più che vedere, quali siano le reazioni del protagonista durante la sua prima storia gay. Dobbiamo accontentarci di languidi sguardi e di una vicinanza fisica che trasuda desiderio e sesso, mentre, come al solito, il rapporto etero, anche sessuale, deborda dallo schermo. Eppure il nocciolo del film è propria la storia gay, che entra, sconvolgendolo, in un tranquillo menage di coppia etero.

Condividi

5 commenti

  1. Nick88

    Questa pellicola spagnola del 2012 ha una qualità indiscutibile: la freschezza. Non è un capolavoro, nè una disamina particolarmente arguta sul famoso “triangolo”, ma è un film fresco, che si lascia gustare con molto piacere in certe serate in cui non si ha voglia di pensare troppo nè di rischiare di rimbambirsi dietro certa tv spazzatura. Nessun’originalità, ma uno sguardo felice su un microgruppo di giovani spagnoli nella cornice di una Barcellona sempre bellissima. Non sono d’accordo con la scheda quando si parla di disparità di scene “coraggiose” diciamo..anzi, io ho trovato un ottimo equilibrio tra le due parti in causa, quella etero e quella omo. Bellissimi tutti e tre i protagonisti, soprattutto l’interprete di Rai, azzeccatissimo nel ruolo e assolutamente credibile nella parte del seduttore (con quella faccia!). Mi sembra che sia un ottimo esempio di prodotto medio del cinema spagnolo, di cui conserva tutti i pregi (anche se la recitazione non eccelle), che ormai non ha nulla da invidiare ad altre cinematografie tradizionalmente più celebrate. Godibilissimo, ti fa venir voglia di uscire e vivere (magari tra le strade di Barcellona). E se non è un merito questo.

  2. Trama ricca, piena di contenuti. Il regista ci tiene a non etichettare i protagonisti (gay, bsx, etero) convinto che la sessualità sia fluida e possa avere varie sfumature nel corso della vita. Lo vidi al Sicilia Queer Festival e lo intervistarono alla fine della proiezione. Ho seguito il film con piacere ma il finale non mi è piaciuto, l’ho trovato inverosimile. Ma probabilmente la magia del cinema a volte è proprio quella di far pensare e mostrare storie ‘altre’ rispetto alle consuetudini. Belli e bravi i giovani attori, affascinante Barcelona sullo sfondo

  3. istintosegreto

    Ho appena letto la recensione di Patanè e devo dire che mi ci ritrovo abbastanza. Io però aggiungo un punticino e faccio arrivare il film a 7/10 perché Cervantes è dannatamente bravo. Al punto da fare sfigurare Gonzalez (preso da solo non sarebbe malaccio). Inoltre vorrei aggiugere che, fino a quando ci saranno uomini che tengono un piede su una sponda e uno sull’altra, il trito e ritrito triangolo bisex rimarrà un argomento di attualità. Proprio come le difficoltà di coming out. Non ne possiamo più di vedere trattare certi argomenti da decenni a questa parte? Beh, è logico che la minestra ci verrà propinata fino a quando il mondo non cambierà. Per ora rassegnamoci e concentriamoci sul modo in cui certe tematiche vengono poste al pubblico. In questo caso mi sembra che ci sia un certo impegno e, come ho già detto, vi brilla un astro nascente.

  4. maurizio

    film gradevole bravi gli attori soprattutto Alvaro Cervantes, in alcuni tratti la sceneggiatura e un po superficiale in altri approfondisce in maniera esaustiva un argomento abbastanza complesso come il rapporto a tre , si possono amere due persone contemporaneamente ? lascio la risposta al film, buona visione

Commenta


trailer: El Sexo de los ángeles

Varie

Struggling martial artist and dancer Bruno loves his girlfriend Carla, but when he meets fellow dancer Rai, serious sparks begin to fly, opening the couple up to new possibilities. A new generation navigates sexual fluidity, torn affections, and open relationships in this steamy love triangle. But once Bruno’s clandestine encounters with Rai are revealed, a confused and hurt Carla kicks him out. But she simply doesn’t want to give up on her love. Eventually she agrees that Bruno can date them both as long as he keeps his life with Rai relatively separate. (Imdb)

CRITICA

“…Every character you will find endearing and terminally human, lovingly crafted and stunningly portrayed. Every event feels effortlessly natural and wholly believable; every shot is beautiful.
The result is an engaging story, stunning in its simplicity and gripping in its emotion. Tackling an issue like this with such grace has to be commended: it will change the way you view polyamory. You will ask yourself ‘Why is this an issue for them?’, ‘Why is this an issue for me?’, and finally ‘Why is this an issue at all?’. Trying to find ways in which the film could have been improved is an exercise in futility. If you love cinema, watch this film. It is sublime.” (Adrian Naik, biggaypictureshow.com)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.