The Set

The Set
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GG
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

The Set

E’ stato il primo film australiano ad affrontare la tematica omosessuale. Il film, trasposizione dell’omonimo romanzo dell’attore Roger Ward, anche co-sceneggiatore, vuole celebrare la vita della drag queen australiana “Candy” (Ken Johnson), con i suoi amori e le sue traversie frammiste alle sue esibizioni. Candy diventò la proprietaria della prima sauna gay in Australia, chiamata ‘KKK’ (Ken’s Karate Club). Il film ci racconta così la vita gay nell’Australia degli anni ’60, un film che poteva essere girato in quegli anni solo in quel continenete, dove nell’industria cinematografica locale tutto sembrava possibile. Il regista Brittain, appena arrivato da New York, promuoveva il suo film presso i produttori come una “bellissima storia d’amore”, come la risposta australiana alla “Dolce vita” di Fellini. Più del contenuto gay, all’epoca fece scandalo la nudità di Hazel Phillips in piscina (nel ruolo di Peggy Sylvester), allora famoso per la sua partecipazione ad uno show perbenista (Girl Talk). Il film, prima regia cinematografica di Brittain (che poi finirà a lavorare in Vaticano come regista ufficiale della Chiesa Cattolica), ne rileva tutta l’inesperienza, anche perchè aiutato da una troupe televisiva: trama pasticciata, livelo del suono discontinuo, montaggio goffo delle scene musicali con quelle d’interni dove gli attori si fronteggiano e declamano melodrammaticamente. Alla fine del film non risulta chiaro se la condizione omosessuale debba essere considerata come un immaturo stile di vita o la celebrazione dell’eccentricità. Il produttore David Hannay disse che andava considerato come “un documento sociale innovativo e pionieristico, senza mai perdere di vista il suo innato spirito camp”.

Condividi

Commenta


trailer: The Set

https://youtube.com/watch?v=Lm0oKmv1w5c

Varie

A great period piece from the late Sixties. Depicting life amongst the arty ‘set’ in Sydney in 1969, it was one of the first Australian feature films to include homosexuality as a main theme. The film features celebrated Sydney drag queen “Candy” (Ken Johnson). Ex- Mavis Bramston Show star, Hazel Philips. The camp Theatre director character played by Michael Charnley is based on Robert Helpman. The film has a number of fun, campy moments, which helps make it a gem in Australian gay film history . The Australian tabloid press sensationalised the scandalous ‘nude’ scene by Hazel Philips in the swimming pool, rather than any depiction of homosexual relationships. Reporters broke the story in early 1969, during filming, about a year before theatrical release. Hazel Philips was quoted as saying that if Vanessa Redgrave was game enough to appear nude in a film, she’d like to try it too. The Soundtrack includes some groovy sixties lounge music by Sven Libaek . There apparently was a vinyl disc made of it. The Australian National Film & Sound archive hold a copy of the film. (Imdb)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.