Sausage Party: Vita segreta di una salsiccia

Sausage Party: Vita segreta di una salsiccia
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT Q
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica

Cast

Sausage Party: Vita segreta di una salsiccia

Il sesso a tavola, vecchio come il mondo, ma questa volta l’azione non è degli avidi cibanti bensì degli arzilli cibati. Il film, pur essendo un cartoon, settore tradizionalmente dedicato ai giovanissimi, è stato vietato in America ai minori di 17 anni ma, ciononostante, ha fatto guadagni record al botteghino, quintuplicando il budget in meno di un mese. Nel film ci sono forti allusioni sessuali (quasi mai volgari) e soggetti chiaramente identificabili, come un preservativo usato che racconta i suoi guai, la taco lesbica Teresa (Salma Hayek) che corteggia l’hot-dog Brenda, una coppia di cibi omosessuali, ecc. ecc. ma l’interesse degli autori Seth Rogen e Evan Goldberg, più che a stuzzicare l’appetito sessuale degli spettatori, sembra rivolto ad offrirci una forte allegoria religiosa, divertente e riflessiva nello stesso tempo. La storia infatti ci racconta come questi cibi messi in bella mostra dentro un supermercato passino il loro tempo in attesa di essere raccolti dai clienti che li porterebbero in un mondo felice, chiamato il “Grande Oltre”, un luogo di felicità e delizie. Quando scoprono l’amara verità di quello che credevano essere il paradiso, la salsiccia Frank (voce di Seth Rogen) raduna tutti i suoi amici per salvarli dall’orrore che li attende. Le allegorie religiose, basate anche sulla Bibbia, pervadono la pellicola dall’inizio alla fine. Frank è uno dei più devoti, ogni mattina si sveglia cantando un inno al creatore e ringraziandolo del paradiso promesso. Non mancano nemmeno i diversi atteggiamenti religiosi, da quelli più puritani a quelli più permissivi. Frank ad esempio non vede l’ora di potersi unire sessualmente alla dolce Brenda, incellofanata a pochi centimetri da lui. Ma tutti sono in attesa del viaggio verso l’agognato paradiso. Quando Frank scopre che gli dei salvatori (gli umani clienti) anziché liberarli dai soffocanti involucri e dare loro l’agognata felicità, si preparano a torturali tagliandoli a fettine, pelandoli vivi (la povera patata), bollendoli, o morsicandoli avidamente, si prepara ad informare e salvare tutti i suoi amici, cosa non semplice o facile. Come far loro capire che il Grande Oltre non esiste proprio perché non ne hanno nessuna evidenza fisica? E che delusione quando scopre che molti di loro preferiscono continuare a credere al Grande Oltre… Chissà come quest’opera e queste riflessioni verranno accolte nel Paese del Papa buono.

synopsis

The products at Shopwell’s Grocery Store are made to believe a code that helps them live happy lives until it’s time for them to leave the comfort of the supermarket and head for the great beyond. However, after a botched trip to the great beyond leaves one sausage named Frank and his companion Bun stranded, Frank goes to great lengths (pun intended) to return to his package and make another trip to the great beyond. But as Frank’s journey takes him from one end of the supermarket to the other, Frank’s quest to discover the truth about his existence as a sausage turns incredibly dark. Can he expose the truth to the rest of the supermarket and get his fellow products to rebel against their human masters?

Visualizza contenuti correlati

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 10/11/2016 al 13/11/2016 15 € 119.728 € 1.260
dal 03/11/2016 al 06/11/2016 10 € 363.890 € 1.905

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.