Sanguepazzo

Sanguepazzo
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (4 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Sanguepazzo

L’alba del 30 aprile 1945, cinque giorni dopo la fine della guerra, vennero trovati alla periferia di Milano i cadaveri di Osvaldo Valenti e Luisa Ferida, giustiziati poche ore prima dai partigiani. Coppia celebre nella vita oltre che sullo schermo, Valenti e Ferida erano stati tra i protagonisti di quel cinema dei “telefoni bianchi” che il fascismo aveva incoraggiato. Il loro ruolo era quasi sempre stato quello degli “antagonisti”, incarnandosi di preferenza in personaggi negativi. Anche la loro vita privata era dominata dal disordine, entrambi cocainomani e sessualmente promiscui. Quando il paese si spaccò in due dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, Valenti e Ferida risalirono al Nord e aderirono alla Repubblica di Salò. Si stabilirono prima a Venezia, dove girarono fortunosamente qualche film, poi a Milano dove – arruolati in una banda di torturatori – si dettero alla borsa nera. Perlomeno queste erano le voci…segue sotto (cinemaitaliano.it). Il personaggio di Alessio Boni, un regista omosessuale, è completamente inventato (ma fondamentale nell’economia del film) e potrebbe ricordare la figura di Luchino Visconti. Nel film, anche se omosessuale dichiarato, Alessio Boni svolge comunque un ruolo assolutamente etero.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Un commento

  1. Sillaro

    il film ha il taglio della fiction televisiva.Bella la ricostruzione ambientale.Ottimo Zingaretti.Volonterosa ma ancora(purtroppo)insufficiente la Bellucci.Coraggioso Giordana nell’accogliere la verità sulla vicenda storica, ovvero la completa innocenza dell’attrice Luisa Ferida rispetto alle colpe per le quali fu uccisa dai partigiani.Voto 8

Commenta


Varie

segue da sopra
… Consegnatisi ai partigiani pochi giorni prima della Liberazione, i due negarono ogni addebito. Valenti giustificò i suoi traffici col bisogno continuo di stupefacenti, smitizzò le presunte malefatte attribuendole alla diffamazione e all’invidia. Il Comitato di Liberazione pretese invece una punizione esemplare. Ferida e Valenti avevano prestato il loro fascino al regime, collaborato coi tedeschi, seviziato patrioti. Si erano sempre vantati della loro vita scandalosa, mostrati orgogliosi della loro dubbia fama. Che lo avessero fatto per narcisismo, per leggerezza, per alimentare il mito degli artisti maledetti, poco importava. Dovevano pagare, dare il buon esempio a tutti. Così cala il sipario su quei due attori dal talento innegabile; Valenti nel ruolo del villain astuto e crudele, Ferida in quello della donna perduta. Chissà che alle dicerie che li rovinarono non abbiano contribuito proprio i film che negli anni d’oro ne avevano costruito la leggenda, proprio quei personaggi riprovevoli tante volte incarnati sullo schermo. (cinemaitaliano.it)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.