Rosa e Cornelia

Rosa e Cornelia
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT LLL
  • Media voti utenti
    • (6 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Rosa e Cornelia

L’amicizia tra due donne in pieno Settecento, una colta e aristocratica, l’altra povera e analfabeta. Siamo a Venezia, nel 1748: la contessina Cornelia (Chiara Muti) è rinchiusa dalla famiglia nella villa di campagna, perché incinta. La maternità deve passare assolutamente inosservata, altrimenti il matrimonio pianificato tra Cornelia e il ricco Duca di Fontanges andrà in fumo. Nella sua prigione dorata, Cornelia è sorvegliata dall’anziana nutrice Piera (Athina Cenci) e dalla serva Rosa (Stefania Rocca) assunta per portare a termine l’atroce piano della nobile famiglia. Nonostante le enormi differenze sociali e culturali, tra le due giovani donne nascerà un’amicizia particolare, destinata a mettere in pericolo anche il piano dei genitori di Cornelia. Tratto dalla commedia teatrale “L’attesa” di Remo Binosi.

Condividi

3 commenti

Commenta


Varie

Italia del Nord, secolo 18°. Cornelia, una giovane in attesa di un figlio ma non sposata, viene relegata dai genitori in alcune stanze della grande villa di famiglia in campagna. In attesa che si compia la gravidanza, le viene affiancata un’altra ragazza, Rosa, anch’essa incinta, per farle da compagnia. A sorvegliare entrambe e a fare da filtro con i genitori e con l’esterno c’è Piera, una domestica fidata in età matura. La giovane di sangue nobile si trova così costretta fianco a fianco con una servetta di estrazione popolare con la quale il dialogo risulta all’inizio estremamente difficile. Col tempo, nelle difficoltà di una vita quasi da prigione e nella consapevolezza della maternità che le aspetta, le due giovani arrivano a capire quello che le accomuna al di là della loro estrazione sociale. E tuttavia l’accettazione che l’una fa dell’altra si scontra con l’insormontabile barriera delle convenzioni. Appena nato, il figlio di Cornelia viene prelevato da Piera che, come da ordini ricevuti, deve eliminarlo. Ma anche questo si rivela per lei, donna che non ha provato la maternità, un gesto non sopportabile.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.