La Rivincita di Natale

La Rivincita di Natale
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Varie

Cast

La Rivincita di Natale

Un film da vedere assolutamente per chi ha apprezzato Regalo di Natale di cui è il sequel. Un film che non è commedia, non è dramma, non è noir, ma è tutto questo insieme più una perfetta analisi sociologica di diversi caratteri rappresentativi della società contemporanea. Abatantuono, che difficilmente mi piace (di solito recita troppo sopra le righe), in questo film è misurato e credibile, nonostante tenga banco dall’inizio alla fine. Il personaggio che a noi interessa è Stefano Bertoni, che ormai è un gay dichiarato ed accettato che convive con un antiquario. Il regista sembra quasi dargli una certa superiorità sugli altri come qualità della persona, ed anche la parte che interpreta, quello dell’amico che ospita nella sua villa l’evento-partita, lo mette un po’ sopra agli altri. Le poche scene che lo riguardano ce lo mostrano mentre sopporta con classe i risolini e le battute di due commessi e mentre al telefono col compagno risolve un piccolo bisticcio. Un film di grande qualità e comunicativa.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

2 commenti

  1. thediamondwink

    Un film degli anni 80, che di tema natalizio ha ben poco, anzi direi che va contro l’apparente ipocrisia del Natale in se stesso. I personaggi sono veri, autentici e d’impatto, infatti, in quei anni si poteva aspirare soltanto a grandi interpretazioni e pochi “effetti visivi”. A me non piace molto questo genere di film, dove si inseguono vendette architettate negli anni, trovo questa “rivincita” negativa e scorretta. Ma, onestamente, il film è molto interessante, soprattutto per la ricostruzione della storia tramite flash-back ben strutturata. Non amo Abatantuono, ma in questo film mi è piaciuto, si presta molto al ruolo interpretato!

Commenta


Varie

Quindici anni dopo la disastrosa partita di poker della notte di Natale, Franco Mattioli viene a sapere che il suo amico Lele è gravemente malato. Decide di tornare a Bologna per andare a trovarlo e anche per cercare una donna. Ma c’è un terzo motivo, più nascosto: i fantasmi di quella notte del 1986 lo tormentano ancora e lui è in cerca della sua rivincita…

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.