Riunione di famiglia

Riunione di famiglia
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT Q
  • Media voti utenti
    • (2 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Riunione di famiglia

Col suo ultimo film il pluripremiato regista danese Thomas Vinterberg torna a sondare i lati più oscuri della famiglia, ma questa stavolta con un’ironia leggera e fresca ben lontana dalle atmosfere più cupe del precedente “Festen”, il film che lo rese famoso alcuni anni fa. Divertente e a tratti surreale, il film è ben diretto ed ottimamente interpretato da un cast corale ed affiatato e anche le tematiche più scabrose, l’omosessualità della madre, l’ambigua figura del padre, perdono qualsiasi connotato inquietante per lasciare spazio ai toni della commedia. Una piccola cittadina danese è in subbuglio: a giorni si celebrera l’anniversario della nascita della città ed un famoso cantante d’opera, nato e cresciuto lì, torna a casa per l’occasione. Tra gli abitanti c’è anche il giovane cuoco Sebastian, destinato a breve a convolare a nozze. Ma le cose cominciano a prendere una brutta piega: nasce un nuovo amore tra il ragazzo e una vecchia amica ed un bruciante segreto che lega Sebastian al celebre cantante in arrivo in città sta per essere rivelato dopo molti anni…

Condividi

Un commento

  1. zonavenerdi

    Un uomo abbandona una donna per una più giovane e si trasferisce in una città più grande dove diventa un famoso cantante d’opera. Molti anni dopo ritorna nella cittadina senza sapere che ha un figlio (dalla donna che ha abbandonato) e si scopre che la sua vita non è felice perchè non è riuscito ad avere figli con la moglie. Il figlio è un tipo insicuro e balbuziente che ha avuto lo stesso destino della madre e cioè è stato abbandonato dalla sua ragazza e ha cercato di rifarsi una vita con un’altra, ma il ritorno della prima lo farà tornare sui suoi passi. La madre del ragazzo è uil personaggio glbt in quanto si è rifatta una famiglia con un’altra donna.
    Padre e figlio si incontrano e si riconoscono perchè si trovano abbastanza simili …

    Film davvero ben fatto, bella trama e bravi attori.

Commenta


trailer: Riunione di famiglia

https://youtube.com/watch?v=_IWvqGcFVRg%26hl%3Dit%26fs%3D1

Varie

“Tra colpi di scena, matrimoni mandati a monte, vecchi amori che ritornano e padri che appaiono improvvisamente, sono proprio i sentimenti a trionfare. A riprova che l’amore può essere ovunque, al di là della famiglia imposta dalla tradizione.” (Gabriella Gallozzi, ‘L’Unità’, 26 ottobre 2008)

“A questo punto la trama è segreta, si perderebbe la buffa sorpresa degli incastri, non originali ma appassionanti, tra due forme di identità maschili, e di desiderio d’amore, quella romantico (di misteriosa e immensa potenza emozionale) e quello libertino, accumulatore, secondo il regista, di ombre e miserie, e addolorato per la provvisorietà dell’esistenza. Fatto sta che un triplo colpo di scena ci aspetta a fine della recita, quando vengono accumulate con perizie le pulsioni dispiegate. Il terzo è solo suggerito, ma certo fa intuire un sottotesto edipico ancora più scandaloso e sovversivo del già ricco menu imbandito.” (Roberto Silvestri, ‘Il Manifesto’, 30 aprile 2009)

“Il film è bello, anche per la fotografia di Anthony Dod Mantle, capace di trasformare ogni faccia in un paesaggio ogni paesaggio in un dipinto denso e ammirevole. Gli interpreti, padre e figlio soprattutto, sono perfetti. La regia è colma di invenzioni nella sua apparente classicità. Nonostante il volontarismo sarcastico, o magari proprio per quello, il secondo ‘Festen’ è una vera riuscita.” (Lietta Tornabuoni, ‘L’Espresso’, 7 maggio 2009)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.