La Religiosa

La Religiosa
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT L
  • Media voti utenti
    • (2 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

La Religiosa

Trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Diderot, ambientato nel 1760, già portato sullo schermo da Jacques Rivette nel 1967, e allora censurato. Il film è stato presentato in concorso alla Berlinale 2013, sollevando qualche interesse, soprattutto per le bravissime protagoniste femminili, tra le quali una Isabelle Huppert sopra le righe nel ruolo di una madre superiora lesbica. Per questo suo ruolo la Huppert ha dichiarato: “il mio personaggio mette in evidenza i suoi sentimenti per le giovani ragazze del convento, allontanandola dalla “divinità” che doveva rappresentare. Non mi sono mai chiesta cosa avrei o non avrei dovuto fare, semplicemente facevo ciò che mi sentivo, e non c’era niente di scandaloso in questo, come non c’è niente di scandaloso nell’esprimere i propri sentimenti.” Il regista Guillaume Nicloux (L’eletto), a proposito della sua trasposizione dal libro di Diderot, ha detto: “Ho cercato di trovare la giusta prospettiva con cui tradurlo, di trasmettere le sue idee anticlericali ma soprattutto di andare al cuore del libro, di farne capire il suo essere senza tempo… Sono molto critico nel momento in cui la religione si impone sulla libertà di opinione e di espressione, perché ognuno deve essere libero di essere ciò che è.” La storia racconta le vicende di Suzanne Simonin (Pauline Etienne), terza figlia di una coppia borghese che per risparmiare sulla dote decide di mandare la più piccola in convento, sebbene questa non abbia alcuna vocazione religiosa. Al momento di prendere i voti Suzanne dice no e viene quindi rimandata a casa. A questo punto la madre (Martina Gedeck), si sente in dovere di rivelare alla figlia un segreto: lei non è la figlia di suo marito ma il frutto di un fuggevole incontro d’amore, fatto che non conosce nessuno, nemmeno il padre, da qui nasce il desiderio della madre di mandarla in convento per evitare un possibile scandalo oltre al fatto di proteggere la figlia da un mondo non sempre buono. Suzanne, distrutta da questa rivelazione, ritorna in convento e prende i voti. Qui però, dopo la morte dell’anziana Madame de Moni che l’aveva sempre protetta, viene vessata dai soprusi della nuova madre superiora, suor Cristine. Inizia quindi una battaglia per fare annullare i suoi voti, mentre viene lasciata a pane e acqua e addetta ai lavori più umilianti. In segreto scrive un diario che fa uscire dal convento dove denuncia i soprusi subiti. Suzanne viene allora trasferita in un’altro monastero dove trova un altro genere di insidie. La superiora Saint Eutrope (Isabelle Huppert) è segretamente lesbica ma non riesce a resistere al fascino della nuova arrivata, e finisce persino con l’infilarsi nel suo letto, sempre con le scuse di volerla consolare per il suo triste destino…

Visualizza contenuti correlati

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 5/09/2013 al 8/09/2013 17 € 15.134 € 796

Condividi

Un commento

Commenta


trailer: La Religiosa

https://youtube.com/watch?v=xF5xFDQ5Ztg

Varie

Suzanne Simonin describes her life of suffering in letters. As a young woman she is sent to a convent against her will. Since her parents cannot afford the dowry required for a marriage befitting her rank they decide she must instead become a nun. Although a kind and understanding Mother Superior helps her to learn the convent’s daily routine, Suzanne’s desire for freedom remains unabated. When the Mother Superior dies, Suzanne finds herself faced with reprisals, humiliation and harassment at the hands of the new Abbess and the other Sisters. For many years, Suzanne is subjected to bigotry and religious fanaticism. Denis Diderot’s novel has been adapted for the screen several times. In 1966 Jacques Rivette made a film version with Anna Karina and Liselotte Pulver so daringly critical of the church it was temporarily banned by the French censors. Guillaume Nicloux however concentrates on the fate of a young woman pitted against a merciless system which crushes the individual. His film gradually divorces itself from the circumstances of this particular story to describe a universal drama. (Berlinale)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.