Principe Maurice Tribute

Principe Maurice Tribute
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT QQQ
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Principe Maurice Tribute

Ritratto dell’icona del Teatro notturno e Gran cerimoniere del Carnevale di Venezia. Maurizio Agosti, in arte il Principe Maurice, si racconta in una versione inedita, anche queer, ripercorrendo l’esordio della sua carriera al Cocoricò di Riccione fino ad arrivare ai recenti impegni col Plastic di Milano e il Carnevale di Venezia. Il regista Sartori anche in passato ha mostrato interesse e simpatia per gli artisti in drag e per tutto ciò che è fantastico, fiammeggiante, illusorio, un po’ eccessivo, come in Doris Ortiz e in What about Alice, e non stupisce quindi questa sua nuova scelta. Icona della vita notturna a partire dagli anni ’90, “gran cerimoniere” del Carnevale di Venezia, straordinario performer, Maurizio Agosti in arte ‘Principe Maurice’ si è esibito nei club più esclusivi d’Europa. Sartori ha seguito Principe Maurice durante gli ultimi otto mesi della sua attività, in vari locali e soprattutto al Cocoricò di Rimini. Nel film Principe Maurice ci fa un ampio racconto della sua vita artistica e privata, raccontandoci di alcuni dei suoi successi in giro per il mondo, come animatore in locali come il Cocoricò di Riccione, il Plastic di Milano, il Gilda di Roma e poi in locali a Madrid, Parigi e New York, e del suo ruolo nell’organizzazione del Carnevale di Venezia, ma anche della sua liason con Grace Jones e del suo grande amore, lo stilista Pierluigi Voltolina, venuto a mancare alcuni anni fa.
Nelle sue serate, in locali solitamente dedicati alla musica tecno, Principe Maurice ha introdotto uno stile del tutto personale, con contaminazioni tra lo stile barocco e quello rock, ricreando una specie di cabaret dove trovano posto anche il teatro, e la musica classica. Principe Maurice ha una volta dichiarato: ‘Bisogna stupire, bisogna far pensare, lasciare qualcosa dentro, elargire emozioni con la poesia, con una musica diversa da quella che il pubblico ascolta di solito’. In una frase: ‘Bisogna creare bellezza’.
Principe Maurice ha reinterpretato diverse canzoni di Klaus Nomi, autore eccentrico e ‘maledetto’, che assieme a Lindsay Kemp, rappresenta la sua musa ispiratrice. La parte più spettacolare del film di Sartori è appunto costituita dal tributo di Principe Maurice alle sue due icone. In questi due videoclip l’estetica visionaria e la maestria tecnica di Sartori si fondono in modo davvero sorprendente con l’unicità del personaggio Principe Maurice.
Sentendo parlare Principe Maurice nel video di Sartori si ha qua e là l’impressione, che qualche volta esageri un po’ nei suoi successi. Quando però si ha occasione di parlargli direttamente e di vederlo all’opera ci si rende conto di avere davanti un personaggio con doti davvero fuori dal comune. (R.M.)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


trailer: Principe Maurice Tribute

Varie

Biografia del Principe Maurice:

Il Principe Maurizio Agosti Montenaro Durazzo nato in provincia di Monza e Brianza, discende dalla illustre famiglia dei Principi Agosti di Bergamo.
Nel 2012 è stato fra le poche teste coronate italiane invitate al Giubileo di Diamante della Regina Elisabetta II.
Attore, cantante, performer e regista di eventi spettacolari, Maurizio Agosti si esibisce in 4 lingue nei teatri e club più esclusivi d’Europa. Col nome di «Principe Maurice», propone il suo Night Theater Show e un esclusivo Emotional Djset.
Da vent’anni vive a Venezia, la sua città d’adozione. In un nobile palazzo sull’acqua ha creato Venice Events Academy, associazione culturale che forma i giovani artisti dello spettacolo e della comunicazione, di cui è Presidente e fondatore.
Diplomato in pianoforte al Conservatorio Musicale di Milano col massimo dei voti, Maurice Agosti lascia gli studi di economia nei primi Anni ‘80 per dedicarsi completamente alla carriera nel mondo dello spettacolo.
Prima di creare i suoi format esclusivi nei quali canta, balla e recita, Principe Maurice ha studiato canto con il direttore d’orchestra Mario Merigo, danza con il coreografo Daniel Ezrlalov, recitazione e regia teatrale con Lindsay Kemp.
Ha frequentato il Laboratorio di Comunicazione della Moda all’Università di Pavia e corsi di make up per il cinema e lo spettacolo con Stefano Anselmo e Diego Della Palma.
Principe Maurice ha lavorato con i big dello show business mondiale. Ha cantato alla Royal Albert Hall di Londra con Grace Jones e sulle note di Uto Ughi al Palazzo Malipiero di Venezia.
Ha lavorato nella produzione del Don Giovanni di Mozart (regia di Franco Zeffirelli) al Metropolitan di New York.
Ha recitato nel film «La Venexiana» (1985) con Claudia Cardinale e nella fiction tv «Lupo Mannaro» di Antonio Tibaldi (2000) interpretando sé stesso.
Ha scritto i brani house «Techno Harmony» e «Love game» per l’album Human Bridge di Francesco Farfa (1996).
La città di Venezia ha scoperto fin da subito le straordinarie doti artistiche di Principe Maurice: ovunque affascina il pubblico con la voce seduttiva e potente e con i suoi incredibili costumi barocchi.
Per oltre 10 anni ha interpretato Giacomo Casanova nei balli in costume vip e sul palco di Piazza San Marco.
Maestro di cerimonie per 12 edizioni del Ballo del Doge e 3 edizioni del Ballo della Cavalchina al Gran Teatro La Fenice, ha animato i party veneziani della Fondazione «Not on our watch» di George Clooney.
Nel 2012 è stato invitato dal Comune di Venezia a interpretare Casanova, proclamato maschera ufficiale del Carnevale.
Principe Maurice è un apprezzato regista e direttore artistico di eventi pubblici e privati, in costume e non.
Direttore artistico dell’Associazione Internazionale del Carnevale di Venezia dal 2000 ad oggi, crea spettacoli e tableaux vivants con la Compagnia de Calza I Antichi.
Nel 2009 ha diretto e interpretato con Maria Grazia Cucinotta «La Reggia delle Meraviglie», evento voluto dalla Regione Campania per il rilancio della Reggia di Caserta.
Nei Carnevali 2007, 2008 e 2009 ha lavorato al fianco di Marco Balich, il regista delle prossime Olimpiadi 2016 a Rio de Janeiro.
Principe Maurice è protagonista dei party più esclusivi, durante la Biennale di Architettura e per la Mostra del Cinema di Venezia: i galà di Ciak e dell’Unicef con Tiziana Rocca.
Ha lavorato con Antonio Giarola per i 100 anni dell’ Hotel Excelsior a Venezia e alla Villa Borghese a Roma per un evento circense diretto da Antonio Giarola e Livio Togni.
Principe Maurice ha ideato e diretto feste in costume a Venezia – all’hotel Metropole e i Bauerlesque all’hotel Bauer – e in tutto il mondo: a Berlino per gli store Kdv,, a Montecarlo per la settimana veneziana all’Hotel de Paris, al Casino e all’Hotel Hermitage alla presenza del Principe Alberto di Monaco e dell’Ambasciatore italiano.
Dopo i successi nei più noti locali spagnoli da Madrid a Ibiza, con spettacolari eventi al Joia Eslava, all’Amnesia, al Privilege tra il 2008 e il 2010 e un concerto allo Space con Grace Jones, nel 2011 Principe Maurice è stato invitato in Usa.
Ha vestito i panni di Giacomo Casanova a New York, per l’evento «Pleasure of senses» organizzato da Rai International alla Frick Collection.
Nello stesso anno l’ Istituto di Cultura Italiano e l’Università Ucla hanno invitato Principe Maurice a Los Angeles. Ha interpretato «Le confessioni di Casanova» per il bicentenario della morte del grande seduttore veneziano. (principemaurice.com)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.