Poster Boy

Poster Boy
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (16 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Poster Boy

Il senatore ultraconservatore Jack Kray cerca di conquistare il nuovo mandato utilizzando il figlio Henry come “ragazzo immagine” della sua campagna elettorale. Henry, i cui valori sono completamente opposti a quelli del padre, cerca di sottrarsi alla sua influenza. Ci riesce grazie all’amore di/per Anthony, giovane militante in un gruppo di studenti contrari alla rielezione di Kray. Opera prima, in concorso all’ultimo Festival di Locarno.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

3 commenti

  1. luigi 43

    Una piccola , personalissima , morale :anche se c’è una grande attrazione fisica,un rapporto
    non puo’ durare se manca la fiducia.Alla fine Hanry dice al giornalista che non deve più guardarsi le spalle ,ma è cosi “safe” se hai accanto qualcuno che puo’ farlo !

  2. Marco Mori

    storia reale, realizzata bene, bravi gli attori, fotografia pessima. solo un aspetto mi ha lasciato perplesso: l’aids in tono così drammatico faceva tanto inizio anni 80, mi è sembrata una controstoria eccessivamente scollegata.

Commenta


Varie

racconta la vicenda di Henry (Matthew Newton), tormentato figlio del senatore conservatore Jack Kray (Michael Lerner), detto ‘il nazista della Carolina del Nord’. Tutto detto.
Il padre è in corsa per le elezioni e per lui esiste solo la politica: maltratta e ignora la moglie, la sensibile Eunice (Karen Allen), usa il figlio per farsi propaganda, come suo ‘poster boy’ appunto. L’immagine che il senatore deve fornire al suo pubblico di elettori è quella della perfetta e felice famigliola bianca americana, eterosessuale, in cui non esistono conflitti e tutti amano tutti. Sia la madre che il figlio sono al soldo del padre, che li rifornisce in abbondanza di denaro, ma non di amore. La regola è solo una: stare al gioco e non sgarrare. Solo che Henry è da sempre, all’insaputa del padre, un omosessuale, che passa da una storia all’altra, insoddisfatto. Finché, durante una delle tante feste, incontra Anthony (Jack Noseworthy), attivista di sinistra, omosessuale, che non riesce a instaurare un rapporto sentimentale duraturo e che condivide un appartamento con Izzie (Valerie Geffner), una donna malata di Aids, che ha perso il compagno da poco. I due ragazzi si piacciono da subito, e passano insieme la notte. La mattina dopo, Anthony viene informato dell’identità del giovane e decide di sfruttare la relazione per danneggiare la campagna del senatore. Henry frequenta ignaro Anthony, fino al giorno in cui il ragazzo è costretto dal padre a fare un discorso pubblico, in cui proclama la sua devozione al genitore e ai suoi principi. Ma il disgusto per l’ipocrisia e l’amore per Anthony gli fanno scattare qualcosa. Davanti a tutti bacerà il compagno, che ormai è innamorato di lui, suscitando lo sdegno degli ultraconservatori e rimbalzando sulle pagine dei giornali. Finché qualcuno lo informa del primitivo scopo di Anthony e il confronto tra i due sarà duro e doloroso. Ormai Henry ha fatto le sue scelte e così la madre, che lascerà a se stesso il truce senatore. (da Cineclick.it)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.