Perdona e dimentica

Perdona e dimentica
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (4 voti)
  • Critica

Cast

Perdona e dimentica

Ideale seguito dello struggente e pessimista “Happyness” ( ma il film si gusta benissimo anche senza averlo visto), ora lo sguardo del regista diventa più problematico e pietistico, anzichè fermarsi ad una spietata analisi dei mali che si nascondono dietro l’apparente tranquillità di una famiglia borghese, ne cerca spiegazioni, motivazioni, giustificazioni, fino alla comprensione e al perdono. Il soggetto principale di questa storia è l’amore, un sentimento visto nelle varie declinazioni (tante quante possono essere le relazioni umane), che per sopravvivere e rafforzarsi deve spesso unirsi alla capacità di perdonare anzichè a quella di dimenticare. Il centro emotivo del film, ricco di personaggi e storie, è senz’altro la scoperta da parte di un figlio, Timmy (Dylan Riley Snyder), che il proprio padre, Bill (Ciaran Hinds), non è morto (come gli era stato detto) ma è stato in prigione per pedofilia ed ora, uscito, si ripresenta alla famiglia cercando di recuperarne l’affettività. Altamente drammatica la scena in cui il figlio chiede alla madre che cosa esattamente fanno i pedofili ai bambini e se questa cosa possa essere ereditaria. Subito dopo grida “Io non voglio essere un finocchio”, ma condanna la madre per avergli mentito sul padre. Alla fine Timmy, che crede che anche i terroristi hanno un’anima, nel giorno del suo Bar-mitzvah (la cerimonia ebraica che segna il passaggio da ragazzo a uomo), dice “adesso sono grande, sono un vero uomo: e so che è mio padre che voglio”. In merito il regista ha dichiarato: «Immagino che questo finale susciterà scandalo: mi piacerebbe invece che la gente lo accogliesse con turbamento e il bisogno di riflettere sulla natura dei sentimenti più profondi anche dove li si vuole negare».

Visualizza contenuti correlati

Questo film al box office

Settimana Posizione Incassi week end Media per sala
dal 23/4/2010 al 25/4/2010 20 € 31.298 € 1.564

Condividi

3 commenti

  1. zonavenerdi

    Non mi è piaciuto per niente. Pieno di pregiudizi sui gay, considerati tutti pedofili (e anche terroristi). A concludere in peggio nel film c’erano diversi personaggi dal carattere parecchio petulante …

  2. Non conoscevo questo regista. E’ originale, per nulla scontato..meno claustrofobico del previsto, nonostante la trama.. Nessuna storia viene messa lì a caso. E alla fine resta un grande interrogativo: si può veramente perdonare senza dimenticare?

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.