Parola di Dio

Parola di Dio
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GG
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Guarda il trailer

Cast

Parola di Dio

Strano che questo film non sia entrato nel concorso della Queer Palm di Cannes 2016 dove era presente nella sezione Un Certain Regard, perchè il tema dell’omosessualità, con anche uno dei personaggi principali che è omosessuale, viene esplicitamente e ripetutamente affrontato. Tratto da un’opera teatrale del tedesco Marius von Mayenburg, che però aveva come argomento la religione cattolica, che qui diventa quella ortodossa, vista l’ambientazione russa (siamo a Kaliningrad, vicino ai confini con Polonia e Lituania). Il film si regge completamente sugli attori (alcuni presenti anche nella versione teatrale dello stesso regista), ha una trama minima, la ribellione di uno studente contro tutto e tutti per il fatto che nessuno fa più riferimento alle parole della Bibbia. Come se gli autori volessero ricordarci che non esiste solo l’integralismo islamico, che anche la Bibbia è piena di richiami alla violenza e alla vendetta contro gli infedeli. Stupisce solo che nel film non venga mai fatto alcun accenno a interpretazioni metaforiche o traslate dei passi biblici menzionati, che si vuole invece intendere in modo letterale e perentorio. Il film si presenta più come un pamphlet che una storia, più come una denuncia che una riflessione meditata, senza comunque scadere nel didatticismo, quasi alla maniera di una pantomima. Il personaggio centrale, Veniamin (un bravissimo e bellissimo Piotr Skvortsov), è un adolescente che vive con la madre sola, con la quale sembra avere quasi un rapporto amicale (lei gli parla delle erezioni involontarie), che all’improvviso entra in una crisi mistica, purtroppo senza darcene una genesi precisa. Non fa che leggere e imparare a memoria versetti biblici, soprattutto quelli contro il lassismo e le libertà sessuali, che decanta in classe. Si rifiuta di partecipare alle lezioni di nuoto perché le ragazze sono troppo succinte, in bikini. Condanna l’omosessualità, che invece la prof di biologia cerca di spiegare come un atteggiamento naturale, presente anche negli animali, oltre a pensare che Gesù e discepoli fossero una piccola comunità gay, stando alle parole del Vangelo (“Giovanni, il discepolo che Gesù amava”). I compagni di classe non lo prendono sul serio, gli altri professori sembrano invece più interessati ai suoi argomenti (per paura? per ignoranza? stanchi delle moderne ideologie, comunismo compreso?). La prof di biologia è l’unica a percepire la pericolosità di quei brani biblici (che la regia incide sullo schermo per dargli maggiore autorevolezza) ed inizia una guerra personale contro il ragazzo e le sue idee. Veniamin la percepisce come il diavolo… Tra i compagni di classe c’è un ragazzo che zoppica, Grigoriy (Aleksandr Gorchilin), vittima dei soliti bulli, segretamente omosessuale, che s’innamora di Veniamin, arrivando sino a baciarlo sulla bocca, naturalmente sempre respinto. Veniamin non è gay, lo capiamo quando si lascia quasi sedurre da una compagna di classe, ammaliata dai suoi organi genitali mostrati in classe dopo essersi completamente spogliato (nel film sono diverse e insistite le scene di nudo maschile integrale). Il personaggio dello storpio Grigoriy (Veniamin gli diventa amico proprio perché la Bibbia dice che bisogna preferire gli storpi) è uno dei più sinceri e realistici di tutto il film.

synopsis

After Venya’s mother receives a call from school reporting her son’s refusal to participate in mixed swimming lessons, she first suspects her teenager of being shy and derides his claim that it is “against his religion.” As Venya is finally exempted by the school’s devout principal, he grows confident that his strict and rigorous study of the Bible gives him the ability to manipulate all forms of authority. Challenged by a teacher who refuses to consent to his dogma, he sets out to eliminate her and subdue an entire community. At a time when arguments over the teaching of religion in public schools are prominent in the media, this wildly escalating classroom drama – based on a play by German playwright Marius von Mayenburg – serves as a frightening cautionary tale. (Imdb)

Condividi

Commenta


trailer: Parola di Dio

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.