Open Up To Me

Open Up To Me
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT TTT
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Open Up To Me

Maarit dopo un’esistenza da uomo e una figlia condivisa con la moglie, decide di cambiare sesso. Noi la troviamo già nel pieno della sua nuova vita, mentre lavora per un’agenzia di pulizie, i rapporti con la ex moglie sono ancora tesi e quelli con la figlia in attesa di trovare una strada più comunicativa. Presto incontrerà Sami, un allenatore di calcio, insegnante, felicemente sposato, che cercherà di sedurre in modo non troppo ortodosso, sostituendosi alla sua psicoterapeuta per un paio di sedute; questo le consentirà di entrare in contatto immediato con l’intimità sessuale dell’uomo, percepirne le rigidità, comprendere che il suo menage familiare è irrimediabilmente congelato. Il disvelamento non tarderà ad arrivare e dopo una dichiarazione esplicita da parte di Maarit seguita da un rifiuto netto di Sami, l’uomo non riuscirà a starle lontano e darà inizio ad una relazione che si complicherà quando il percorso identitario della donna si manifesterà in modo inequivocabile. Se Maarit deve quasi sempre confrontarsi con un contesto sociale che la accetta al confine di una tolleranza ipocrita, lo stesso Sami dovrà fare i conti con un sentimento contrastante, ovvero una fortissima attrazione per la donna e un rifiuto netto, violento, a tratti brutale della sua storia, come se quel passato identitario non potesse coincidere con la verità e l’immediatezza di un sentimento. (Alberto Giannini, Indie-eye.it)

Condividi

Commenta


Varie

Maarit is a beautiful, intelligent and sexy woman – who used to be a man. Struck by the oddity of gender change, she is estranged from the daughter she fathered and from her previous life. When she meets and falls in love with Sami – soccer coach, teacher and family man – she finally feels like she can ‘fit in’ somewhere. But Sami is soon put to the test. In a world that considers Maarit a freak, Sami is forced to confront his own deeply hidden prejudices. And as for Maarit, with or without Sami, she has to step into a brave new world where only she can determine her sense of belonging. Simon Halinen had the idea for the film while taking a Saturday afternoon nap. He had the vision of a cleaning lady, alone in a therapist office. As the phone rang, she answered and spoke to a man in distress. The cleaning lady somehow pretended to be the therapist and offered her help to the man. Reflecting on his dream, the director thought that only a very lonely woman could have such a strange behaviour, or someone who was carrying a heavy load on herself. Weeks later, it occurred to him that the cleaning lady must have been a transgender woman, and suddenly he felt he had a subject for an unusual film. However Halinen decided not to make sexual identity the main theme of his film but “how to cope with life when you are hiding your emotions from the people around you”.
The director was inspired by Susanne Bier’s Open Hearts and the ‘senselessness’ of characters in her film. Leea Klemola was cast as transgender Maarit because “she brought the overall feeling of crossing something a bit dangerous. “ (norden.org)

CRITICA:

Simon Halinen realizza il secondo lungometraggio a distanza di più di dieci anni dal suo debutto, con la produzione di Liisa Penttilä-Askainen per la Edith Film, branca della Zentropa di Von Trier con il quale aveva già co-prodotto Dogville e Manderlay. Il regista Finlandese ha dichiarato più volte di essersi ispirato al cinema dei sentimenti di Susanne Bier, confermando un maggiore interesse nei confronti della relazione degli individui con il proprio sentire rispetto alla tematica transgender “tout court”; Halinen infatti segue i suoi personaggi fino a quel limite oltre il quale non è più possibile esprimere la verità di un sentimento; solo la capacità e il coraggio di infrangere questa distanza di sicurezza, consentirà, per esempio a Maarit e a sua figlia di stabilire un’empatia più forte al di là di qualsiasi pregiudizio; l’attenzione al percorso identitario della donna viene allora assorbito da una prospettiva più inclusiva che non è necessariamente il segno di una marginalizzazione superficiale, ma semplicemente la percezione del mutamento dei propri desideri come una via necessaria per la conoscenza di se.
Come molte produzioni Finlandesi contemporanee, il film risente di una drammatizzazione di matrice televisiva predominante senza particolari guizzi registici e con una forte centralità degli attori; oltre ad interpeti molto noti in patria come per esempio Peter Franzén nella parte di Sami, emerge sicuramente Leea Klemola, al suo secondo film per il cinema dopo una lunga carriera come attrice televisiva; la sua è un’interpretazione molto intensa e non così distante da quella di Paulina Garcia in “Gloria“; la Klemola ha la stessa capacità di assorbire tutte le dinamiche contrastanti dei personaggi di contorno, con le caratteristiche di una donna forte e irrimediabilmente sola, alla ricerca della propria autodeterminazione. (Alberto Giannini, Indie-eye.it)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.