Nudi per vivere

Nudi per vivere
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT Q
  • Eros
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Nudi per vivere

Film rarissimo, realizzato “per vivere” da Petri, Montaldo e Questi che firmano con pseudonimo. Il commento è di Giancarlo Fusco. Si tratta di una “Parigi di notte”, più alla Blasetti che alla Jacopetti, dove non possono mancare, tra i peccati della ville lumière, i locali omosessuali. (QueerLion.it)

Condividi

Commenta


Varie

Il negativo di questo film fu bruciato dalla censura italiana (Imdb)

“un “mondo movie” sulla Parigi di Pigalle, Nudi per vivere, diretto nel 1964, da un misterioso cineasta uscito dall’inesauribile cappello da prestigiatore del cinema italiano, Elio Montesti, cioè: Elio Petri, Giuliano Montaldo e Giulio Questi che, con disinvoltura un po’ impertinente, mettono “a nudo” la loro voglia di cinema; ” (Venezia 2009, Questi Fantasmi 2)

” Il lungometraggio è composto di una serie di numeri di varietà ripresi in vari locali notturni e diretti da Elio Montesti, PSEUDONIMO CHE IN REALTÀ CELA TRE REGISTI IMPORTANTI DEL CINEMA ITALIANO CHE SI PRESTARONO IN AIUTO DEL PRODUTTORE LORENZO PEGORARO, SUOCERO DI ELIO PETRI, CHE SI TROVAVA IN DIFFICOLTÀ NEL CHIUDERE IL FILM “NUDI PER VIVERE”. IL NOME È QUELLO DI ELIO PETRI, IL COGNOME È FORMATO DA ‘MONT’ PER GIULIANO MONTALDO E ‘ESTI’ PER GIULIO QUESTI.
IL FILM E’ SULLA FALSA RIGA DEI TANTI PSEUDO SEXY GIRATI NEI PRIMI ANNI ’60, CON BRANI DOCUMENTARISTICI, BALLETTI, QUALCHE SPOGLIARELLO E IL SOLITO FALSO MORALISMO DEL COMMENTO.
NUMERI D’ATTRAZIONE: BALLETTO NEGRO AFRICAN, BALLETTO CAN CAN DI ROGER STEFANI, LES OSCARS.” (Cinematografo.it)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.