La Nottata

La Nottata
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT Q
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica

Cast

La Nottata

Due spregiudicate ragazze milanesi, Susi e Angela, si incontrano per caso in una “toilette”, dove una distratta signora borghese ha appena dimenticato un anello da due milioni. Insieme se ne impossessano e insieme cercano di venderlo. Si affidano, a questo scopo, a un giovane tassista, Vito, di origini meridionali. Costui le conduce dapprima da un ricettatore, che trovano morto assassinato, e poi nell’abitazione di un travestito, uno dei cui amici compra l’anello pagandolo trecentomila lire. Ma le scaltre ragazze non si accontentano di così poco e scatenano una bagarre che costringere il padrone di casa (il travestito Giorgio Albertazzi) a cacciarle fuori insieme all’ingenuo tassista, cosa più che mai opportuna visto che una delle due si è di nuovo impossessata dell’anello. Dopo essersi divisi il ricavato della truffa, i tre si imbattono in certi ricconi che viaggiano in Rolls Royce e fingono di essere in panne per chiedere aiuto e innescare una pantomima per indurre gli eventuali soccorritori a seguirli nella loro sontuosa residenza. Dopo una nuotata in piscina e una ricca cena, il padrone di casa, che non ha mai smesso di corteggiare il tassista, invita quest’ultimo a seguirlo in camera da letto, subito raggiunto dalla moglie (Martine Brochard) che si offre di risvegliare i sensi del giovanotto con le sue doti di seduttrice. Intanto una delle due ragazze si apparta con un amico della coppia, presente anche lui al festino, mentre l’altra, rimasta sola, comincia a girare per la casa perlustrando tutte le camere e si imbatte in un bel ragazzo dormiente… Questo film, che non è certo un capolavoro ma è comunque godibile nei suoi toni amorali e disinvolti, contiene varie scene gay, tipo il ricevimento in casa del travestito (interpretato da un Giorgio Albertazzi in vena di divertirsi oppure alla ricerca di un guadagno facile e veloce) e l’incontro con la coppia di ricchi: la signora impaziente di fare l’amore in tre e il marito ansioso di mettere le mani sul giovane tassista. In casa della coppia c’e anche un altro personaggio gay, una specie di mantenuto che viene sbattuto fuori dai coniugi che speravano di trovare nel tassista un valido sostituto meno esoso. (F.T.)

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.