Nothing to Lose

Nothing to Lose
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT QQQ
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica

Cast

Nothing to Lose

“Nothing to Lose”, premiata produzione per il teatro di danza, ha riunito un cast di innegabili artisti grassi e bizzarri, qualcosa che non era mai stato visto finora nelle principali sessioni di danza, in qualsiasi parte del mondo. La regista Kate Champion, della famosa compagnia di danza australiana Force Majeure, in collaborazione con l’artista Kelli Jean Drinkwater, ha creato una delle produzioni più controverse del Festival di Sydney, un lavoro teatrale che ha ottenuto recensioni entusiastiche e il tutto esaurito in ogni stagione. Ha anche avuto un enorme impatto mediatico a livello internazionale.
Il film documentario “Nothing to Lose” segue la creazione di questo show dal vivo, il cast e i direttori creativi attraverso un viaggio profondamente personale e politico, un’esperienza sia stimolante che catartica. Incontriamo il cast chiave nel primo round di audizioni aperte e li seguiamo attraverso lo sviluppo creativo e le prove snervanti e esaltanti per la notte di apertura. I performer forgiano legami profondi, creando una grande famiglia di grassi mentre navigano in questa esperienza trasformativa, una volta nella vita, vulnerabili e responsabilizzati, condividendo i loro corpi e le loro vite.
“Nothing to Lose” è un ritratto viscerale del potenziale di movimento del corpo grasso che balla. Sfida le nostre idee sui corpi grassi ed espone il pubblico alle complessità dell’esperienza grassa. Dal modo in cui le persone di grandi dimensioni vengono trattate e dalla capacità di recupero emotivo necessaria per combattere lo stigma, alle varie relazioni che il cast ha con la loro grassezza, con molti che si trovano in stadi diversi di accettazione e coinvolgimento nella politica del corpo.
“Nothing To Lose” è stato un successo senza precedenti, questo documentario è l’eredità di questa produzione rivoluzionaria.

Il film vuole essere anche un evento di giustizia sociale: apre un dialogo sul vivere nella società contemporanea come persona di dimensioni maggiori. Il cast di questo film rivela ognuno le loro storie profondamente personali di come sono cresciuti con un corpo grasso – il giudizio, il bullismo, il malumore e la discriminazione che hanno affrontato – e il modo in cui vivono ora da adulti in questo spazio in cui la società attribuisce un così grande valore ai corpi magri. Mostrano al mondo attraverso il lavoro dal vivo e questo film che i corpi più grandi sono sessuali, forti, flessibili e in forma, non malsani e intoccabili.
Il film parla anche delle comunità LGBTIQ. La maggior parte del cast e della troupe di questo film si identifica come LGBTIQ – e il potere trasformativo e connettivo di mostrare sullo schermo storie sulle nostre comunità non può essere sottovalutato. Questi temi incentrati sulla comunità, sul sociale e sulla creatività sono tutti potenti strumenti per il cambiamento. (La produzione)

Presentato in anteprima europea al Festival lesbo “Some Prefer Cake” 2018

synopsis

‘Nothing to Lose’ follows the fierce, fat and unapologetic cast of Force Majeure’s award winning, groundbreaking dance theater production of the same name, that explores the inherent movement potential of the fat body and the relationship the extraordinary cast of the production have with themselves. We follow their journey’s from the first auditions to the sell-out opening night at Sydney Festival 2015. Directed and Edited by Kelli Jean Drinkwater and Produced by Jain Moralee, this independent feature is a true passion project, having been in production for 5 years , with a team of talented and passionate crew working tirelessly to get the project to the big screen. “Nothing to Lose” has received support from QueerScreens Completion Fund. And is now recognized by the Documentary Australia Foundation.

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.