The Night

The Night
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Varie

Cast

The Night

Nella notte di Chongqing, metropoli cinese, un giovanissimo ragazzo che si fa chiamare Tuberose è “padrone” di un vicolo dove si vende ai passanti. Ogni sera, prima della discesa in strada, il rito di preparazione davanti allo specchio ci presenta un Narciso solitario, e innamorato del suo entrare in scena: la notte gli appartiene. Finché una prostituta che si fa chiamare (appunto) Narciso e Rose, un cliente misterioso, non irrompono nella sua zona. Con entrambi instaura una morbosa relazione: ma Narciso si sa, ama solo se stesso. Prodotto interamente da studenti universitari, l’esordio alla regia del ventunenne Zhou Hao, che interpreta anche il protagonista, è a tutti gli effetti una meteora dal “continente” cinese. Presentato all’interno di Panorama alla Berlinale di quest’anno, il film tra reminiscenze di Wong Kar Wai e Jean Genet, riesce con un piccolo budget a creare un’estetica forte e una particolare idea musicale, complici le canzoni della cantante taiwanese Teresa Tung. (TGLFF)

Condividi

Commenta


Varie

A young man stands in front of a mirror. The night belongs to him. Every evening, he appraises his appearance, attired in a new shirt, leaves his apartment and waits in a poorly lit alleyway for his johns. One night he meets a female prostitute of his age who’s new in this part of town. They flirt and wander the streets, toy with the idea of renting their bodies out to each other and name themselves after flowers: he calls himself Tuberose and she, Narcissus. The strangers they follow remain faceless – until Rose, a one-night stand, falls in love with Tuberose. With help from Narcissus, Rose uses all his charm to try to win over the young sex worker and although Tuberose responds with cool reserve it becomes increasingly difficult for him to remain aloof. In his visually impressive, sensual debut film in which he also plays the leading role this 21-year-old director demonstrates all the poetic intensity of a Jean Genet in describing these three misfits’ mute search for intimacy. The love songs of Taiwanese singer Teresa Tung help the protagonist get in touch with his locked-away emotions. (Berlinale)

CRITICA:

Da qualche parte in un quartiere storico in una città cinese: Un giovane uomo si trova di fronte allo specchio ogni notte, si muove al suono sdolcinato musica pop e getta sguardi seducenti. Egli trae un nuovo, camicia colorata su, per legare una cravatta intorno e parte per la notte. In un vicolo stretto, illuminato dalla luce gialla di una lanterna, si pubblicizza come un prostituto ai suoi clienti. Una notte si trova al suo posto normale una giovane donna che vende anche il suo corpo. Tra i due, un’amicizia sperimentale si sviluppa, alternando tra la distanza e prossimità, che sarà presto un altro giovane entra in gioco, le cascate infelici in amore con la marchetta. L’amore quelli esclusivamente solo se stessi in difficoltà, immagini a grana grossa, questa storia di desiderio e amore di sé in toni delicati e tuttavia pieno di impatto emotivo è in scena.
Il 22-year-old Zhou Hao ha il suo primo lungometraggio praticamente realizzato con budget pari a zero – con l’aiuto dei suoi compagni di studi presso l’Istituto di Media presso l’Università di Chongqing. Lo ha ispirato, dice, Wong Kar-looking IN THE MOOD FOR LOVE. Mentre era lì, Maggie Cheung indossa un abito diverso in ogni scena, ha optato per un personaggio principale che indossa una maglia diversa ogni sera. Assumendo ha chiesto: Che tipo di persona è? Come vive? Che cosa fa? E così è il suo personaggio principale, un narcisisti radicale venire, suona anche nel film stesso.
I tre personaggi principali si muovono in un raggio molto limitato: vicolo, camera, scale per il parco, stanza degli uomini, tunnel auto. Corrono ancora – come in un gioco assurdo – continua passano a vicenda e perdere ogni frazione di secondo. Il sesso è veloce, passionale e poco amorevole. Con immagini semplici ma potenti Zhou cattura l’atmosfera di quelle anime perdute: un gelato portato scioglie e gira lentamente su un braccio nudo verso il basso. Un fiore rimane sul lavandino di un bagno pubblico. Un giovane uomo, che indossa trucco e senza camicia, baciando la sua riflessione. While le prostitute stanno nel vicolo e parlare, in modo permanente penetrare suoni quotidiani dagli appartamenti surrounding fuori dalla finestra: Secondo incasinato persone che parlano, la musica, il rumore di piatti. I tre giovani sono al centro della vita di questa città e ancora completo non-starter. Se possono trovare l’altro una pausa, che è la grande domanda che il film solleva e lascia in un limbo.
Un piccolo film, che è infatti quello di riconoscere le primizie, ma già mostra uno stile tutto suo. Il “cinese Fassbinder” lo avete già chiamato, ha parlato di una forza emotiva, che equivale a Jean Genet. Tutto quello che resta da vedere. Resta da sperare in ogni caso, che questo giovane talento si vedrà più in futuro. (Tiziana Zugaro, Festivalblog.com)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.