Lose Your Head

Lose Your Head
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Lose Your Head

Il film è ispirato ad una storia vera accaduta nel 2009 quando un giovane portoghese sparì improvvisamente dopo aver trascorso una notte al Berghain club di Berlino. Il suo corpo fu trovato alcuni mesi dopo sulle rive del fiume Spree. Il film non racconta questa storia in specifico ma vuole rappresentare le paure e le fantasie che un simile tragico evento possono generare. Luis (Fernando Tielve) è un ragazzo gay spagnolo in cerca di nuove esperienze che, dopo essersi preso una pausa dal compagno, si reca a Berlino, forse in cerca di un nuovo amore, sicuramente per prendersi un weekend di divertimento. Dopo aver lasciato i bagagli nella camerata d’ostello che condivide con due ragazzi cinesi, si tuffa immediatamente nella vita notturna della capitale tedesca. In un locale incontra Viktor (Marko Mandic), un uomo che immediatamente l’affascina. Nello stesso ostello di Luis ci sono Elena (Sesede Terziyan) e Kostas (Stavros Yagulis) che stanno disperatamente cercando Dimitri (Jan Amazigh Sid), il fratello di Elena, scomparso da qualche settimana. Luis intuisce subito una certa sua somiglianza fisica col ragazzo scomparso e non riesce a capire la strana reticenza del suo nuovo amico Viktor su questa vicenda, che sembra non voler dar peso alla cosa. Ma Dimitri è stato l’ultimo amante di Viktor… Il film è un vero thriller, capace di tener desta l’attenzione fino alla scena finale. Ogni volta che qualcosa, agli occhi dello spettatore, sembra chiarirsi succede qualcosa che rimette tutto in discussione. L’attore Fernando Tielve riesce a tratteggiare un Luis molto credibile, diviso tra una spontanea ingenuità e un altrettanto istintivo coraggio, che solo la giovane età possono giustificare. Ancora più bravo è Marko Mandic nel ruolo di Viktor, una figura affascinante e misteriosa che non riusciamo mai a decifrare quanto sia sincera o meno. Il finale lascia un paio di punti in sospeso, probabilmente per dare più spazio all’immaginazione dello spettatore. Il film è disponibile sottotitolato sul portale WWW.THEOPENREEL.IT

Condividi

Un commento

  1. solokiefer

    La prima metà del film è interessante: Luis incontra Viktor (il suo personaggio è la cosa più riuscita della pellicola), affascinante vagabondo che vive nella Berlino underground, strettamente legato a Dimitri. Inizia così a delinearsi un thriller che viene però interamente distrutto nella seconda parte. II regista perde letteralmente il filo, la storia diventa priva di senso e quasi impossibile da seguire: incubi, sogni, personaggi che muoiono e ritornano. Un delirio.
    Un thriller psicologico che lentamente si trasforma in un film (involontariamente) comico che neppure il finale altamente drammatico riesce minimamente a salvare.
    Il tutto lascia però una gran voglia di tornare al Berghain.

Commenta


trailer: Lose Your Head

Varie

Like thousands of other young tourists, Luis from Madrid arrives in Berlin to spend a carefree summer weekend. After a break-up, Berlin’s infamous club scene seems the ideal place to fuck the pain away, make new friends, and fall in love again. However, Luis’ resemblance to a young Greek student who had gone missing a few weeks earlier gets him involved in a series of mysterious events. What starts out like a romantic adventure turns into a desperate chase through the streets as Luis gets more and more lost between paranoia and reality.
Lose Your Head features a collection of characters from all over the world who have been stranded in Berlin for various reasons: Luis, the attractive young clubber from Spain, Elena and Kostas from Greece, searching for their lost brother, Viktor, a seductive illegal immigrant from the Ukraine, Grit, a tough Berliner party girl, two homesick Japanese boys and others – searching, losing and finding each other in Lose Your Head.
In recent years, Berlin has become one of the most popular travel destination for young people worldwide. New hotels and hostels pop up everywhere and the districts have heated debates about the onslaught of the new tourists. Lose Your Head is the first feature film that deals with the phenomenon of party tourism. It takes place in the midst of Berlin’s booming party scene, with ist huge clubs, illegal raves and abandoned industrial sites. The Bermuda triangle between Ostkreuz, Oberbaumbrücke and Alexanderplatz forms the background for an intense psycho-thriller.
Lose Your Head is inspired by the true story of a young Portuguese guy who disapperad in 2009 after a night at Berghain club. His body was found only months later in the river Spree. Lose your Head does not deal with the facts of this case, but with the fears and fantasies triggered by his disappearance. (loseyourhead.com)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.