Little Miss Sunshine

Little Miss Sunshine
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (56 voti)
  • Critica

Cast

Little Miss Sunshine

Chi può vantarsi di avere una famiglia normale? Certo non gli Hoover. Il figlio Dwayne, seguace di Nietzsche, rifiuta di parlare fino a un suo ipotetico arruolamento nella US Air Force. Il padre Richard, moderno guru del management, predica la self-motivation, mentre sua moglie Sheryl, vittima della propria onestà, si ritrova sempre sotto accusa. Quanto al nonno, è appena stato cacciato dall’ospizio in cui era ospite per aver sniffato eroina. La zio gay ha invece appena tentato il suicidio perché mollato da un allievo. Tutta questa bella gente decide comunque di deporre le armi e chiudere un occhio sulle differenze per recarsi in California a sostenere l’ultimogenita Olive e il suo sogno di bambina: partecipare a un concorso di bellezza. Road movie che mescola satira famigliare tragicomica e avventure stralunate su un arco temporale di tre giorni, Little Miss Sunshine narra, con un tono graffiante che scongiura i cliché, il viaggio di una banda di loser spensierati in un paese dove la cultura del successo regna sovrana. (Festival di Locarno)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

13 commenti

  1. her mann

    Film divertente. Rivisto qualche sera fa in tv mi è molto piaciuto. Soprattutto la messa alla berlina di certe abitudini americane che a noi paiono talvolta eccessise , se non ridicole. Forse non sarà un capolavoro ma è molto godibile ….il finale poi…..molto divertente !!! Da vedere

  2. zonavenerdi

    Film senza pretese e nemmeno tanto divertente. Una famiglia un pò raffazzonata si coalizza per far partecipare la piccola di casa a un concorso di bellezza. Il finale è effettivamente un pò più movimentato, ma non salva il film …

  3. Lo vidi al cinema quando uscì in italia… Davvero delizioso, ne serbo un gran bel ricordo, anche se è passato troppo tempo perché ne ricordi i dettagli. Ben fatto, intelligente e brillante, ironico e amaro al punto giusto. Riuscitissimo

  4. Commedia sui generis, risultato finale ben riuscito.. Non la solita americanata, ma anzi quasi un film indipendente..anche se abbastanza popolare.. Da vedere se non si vuole il ‘solito’ film.. Lo zio gay (quasi) train d’union tra i vari personaggi, ognuno con il suo sogno, con i suoi problemi, più o meno grandi, da risolvere..

  5. Jim Puff

    L’idea che degli sfigati tentino di vendere un programma x essere dei vincenti è originale, ma il film sembra non supportato da un grosso budget; un po troppo semplice e artigianale, procede a strattoni.
    Ancora una bella prova di Toni Collette e carinissima la miss! (evviva la ciccia!!!), mostruose le altre piccole replicanti del concorso di bellezza!
    Satira riuscita e graffiante su alcuni dei mali che affliggono la società americana.

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.