Last Weekend

Last Weekend
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GG
  • Media voti utenti
    • (2 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Last Weekend

Siamo nell’alta società, davanti ad una riunione famigliare che dovrebbe ricomporre diversi legami tra genitori, figli e amanti vari. Patricia Clarkson, attrice amatissima dal pubblico gay, interpreta il ruolo di Celia, matriarca di una borghese famiglia disfunzionale, che, in procinto di vendere una bellissima casa delle vacanze sul lago (con infinite stanze e zona per la servitù), decide di festeggiarci un ultimo Memorial Day per un weekend coi propri due figli. Roger (Joseph Cross), il più assillante (forse anche per distogliere i pensieri dai suoi disastri nel settore finanziario) è accompagnato dalla fidanzata Vanessa (Alexia Rasmussen), una ragazza del posto che spera di ottenere qualche aiuto per il suo lavoro, ma che Celia non ritiene di livello sociale e culturale adatto per il proprio figlio. L’altro figlio è Theo (Zachary Booth), che arriva accompagnato dal suo ultimo ragazzo (sono insieme da tre settimane), Luke (Devon Graye), anche se non capiamo bene quanto sia profondo il loro legame o se sia stato invitato solo per un dovere di rappresentanza. Celia spera in questa occasione di riannodare un legame più stretto col figlio gay. Theo ha invitato anche una sua amica regista ed il suo fidanzato coi quali sta girando una sit-com, nella speranza di farle accettare una sua sceneggiatura. Le tensioni crescono quando un incidente mette in subbuglio la famiglia. Il perfezionismo di Celia ed il suo sentimentalismo nostalgico non trovano spazio, mentre ognuno deve affrontare le paure del proprio futuro e di rimanere solo… Film quasi perfetto nelle interpretazioni e nella valorizzazione del bel paesaggio lacustre, si rivela debole nella capacità di approfondire i contenuti e dare spiegazioni, lasciando lo spettatore assai freddo davanti a personaggi che alla fine sembrano solo superficiali ed egoisti.

Condividi

Commenta


trailer: Last Weekend

Varie

CRITICA:

Upper-class fetishism and real-estate eye candy is the order of the day in Tom Dolby and Tom Williams’s Last Weekend, an ensemble dramedy in which the persnickety Celia Green (Patricia Clarkson) gathers together the members of her dysfunctional well-to-do family—fitness tycoon husband Malcom (Chris Mulkey) and their thirtysomething sons, Theo (Zachary Booth) and Roger (Joseph Cross)—for Memorial Day weekend at their cabin in Tahoe. The setting, a lavishly rustic lakeside “cottage” that’s more akin to a mansion with its multiple bedrooms, guest house, and servant’s quarters, is the site of frivolous bickering, specious declarations, and “cathartic” moments of personal revelation, the sort of platitudinous hooey reserved for second-rate YA fantasy novels. The array of conflicts include both sons’ supposedly disastrous careers, a groundskeeper (Julio Oscar Mechoso) who has a horrible accident and must be airlifted to the hospital, and the not-so-hidden secret that Celia and Malcom are selling the vacation home, attracting the unwanted attention of a nosey neighbor (Judith Light) whom the family collectively despises for apparently being slightly more gaudy with her wealth than they are. The characters’ puerile behavior and self-serious view of their various non-problems may be authentic-seeming, but the filmmakers are content to idealize everyone’s unchecked narcissism and idle privilege—an inquiry-free recipe for disaster in an age when the American wealth gap is wider and more detrimental than ever. By the time the film reaches its abrupt climax, a character revelation so forced and banal that it almost feels like parody, the audience has been completely alienated from these unsympathetic drones who wouldn’t be out of place in an episode of Lifestyles of the Rich and Famous. (Drew Hunt, slantmagazine.com)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.