Jours de France

Jours de France
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
Varie

Cast

Jours de France

Un uomo si lascia tutto alle spalle per viaggiare senza meta attraverso la Francia, lasciandosi guidare solamente dalle persone e dai paesaggi che incontra: quattro giorni e quattro notti durante i quali, mentre lui si allontana sempre più, il suo innamorato cerca di localizzarlo tramite Grindr, un’app d’incontri gay per smartphone.
Primo lungometraggio del regista francese Jérôme Reybaud (nato a Cannes nel 1970) che ci ha già regalato un bellissimo doc sul regista gay Paul Vecchiali, “Qui êtes-vous Paul Vecchiali?”. Il film segue, tra l’estatico ed il divertito, quattro giorni della vita di un uomo (presente in ogni scena) che si lascia tutto alle spalle per viaggiare senza meta attraverso la Francia, lasciandosi guidare solamente dalle persone e dai paesaggi che incontra: quattro giorni e quattro notti durante i quali, mentre lui si allontana sempre più, il suo innamorato cerca di localizzarlo tramite Grindr. Definito dalla produzione “Un viaggio sentimentale alle origini del mondo nel perimetro di un territorio i cui nomi debbono essere ritrovati. Cinema come un laboratorio amanuense di una lingua perduta. Un road movie seguendo le rotte erotiche di Grindr e dello smarrimento dei sensi. Un melodramma e un innamoramento. Un corpo a cuore… Il pubblico si connetterà con i personaggi e sarà soggiogato da un umorismo minimalista e assurdo, accompagnato da una bellissima fotografia; in effetti, un film giocoso e divertente come l’applicazione Grindr”.

synopsis

Written by the director, the story revolves around a man who leaves everything behind to cross France, aimlessly wandering the landscape and having chance encounters (sexual or otherwise): over four days and four nights, as he loses his way, the person who loves him will attempt to find him again through Grindr, a mobile-phone dating app…

Condividi

Un commento

Commenta


Varie

Un uomo si lascia tutto alle spalle per viaggiare senza meta attraverso la Francia, lasciandosi guidare solamente dalle persone e dai paesaggi che incontra: quattro giorni e quattro notti durante i quali, mentre lui si allontana sempre più, il suo innamorato cerca di localizzarlo tramite Grindr, un’app di incontri per smartphone.
Primo lungometraggio del regista francese Jérôme Reybaud (nato a Cannes nel 1970) che ci ha già regalato un bellissimo doc sul regista gay Paul Vecchiali, “Qui êtes-vous Paul Vecchiali?”. Il film segue, tra l’estatico ed il divertito, quattro giorni della vita di un uomo (presente in ogni scena) che si lascia tutto alle spalle per viaggiare senza meta attraverso la Francia, lasciandosi guidare solamente dalle persone e dai paesaggi che incontra: quattro giorni e quattro notti durante i quali, mentre lui si allontana sempre più, il suo innamorato cerca di localizzarlo tramite Grindr, la famosa app d’incontri gay. Definito dalla produzione “Un viaggio sentimentale alle origini del mondo nel perimetro di un territorio i cui nomi debbono essere ritrovati. Cinema come un laboratorio amanuense di una lingua perduta. Un road movie seguendo le rotte erotiche di Grindr e dello smarrimento dei sensi. Un melodramma e un innamoramento. Un corpo a cuore… Il pubblico si collegherà con i personaggi e soggiogato da un umorismo minimalista e assurdo, accompagnato da una bellissima fotografia; in effetti, un film giocoso e divertente come l’applicazione Grindr”. Film presentato in anteprima alla Settimana della Critica di Venezia 73 e in concorso per il Queer Lion

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.