Jonas

Jonas
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Guarda il trailer

Cast

Jonas

Film premiato tre volte (Miglior film TV, Miglior regia e Miglior musica) al Festival di La Rochelle nel 2018.
Un film sulla ricerca del perdono, sia dell’altro che di se stessi, e di come gli eventi possono cambiare le nostre vite.
Il film segue due linee temporali con lunghi flashback per nulla disturbanti. L’oggi, siamo nel 2015, con Jonas (l’ottimo e bellissimo attore emergente francese Felix Maritaud, 120 battiti per minuto, Sauvage), un 30enne dal corpo tatuato, che sta facendo arrabbiare il suo fidanzato Samuel (David Baiot) che non sopporta di vederlo andare ogni notte con uomini diversi, e gli anni ’90, quelli della sua infanzia, quando è un liceale 15enne (Nicolas Bauwens) che scopre la sua omosessualità senza grossi problemi (a parte qualche insulto dai compagni di scuola), sebbene sia un ragazzo timido e un po’ goffo e inizia a vivere una bellissima e tenera storia d’amore con l’adolescente ribelle Nathan (Tommy Lee Baik). Fino ad un terribile evento…
Oggi Jonas, che lavora alla portineria di un ospedale, è un uomo tormentato, sempre sessualmente sicuro di se stesso, forse troppo, che passa gran parte del tempo in discoteca e a fare sesso audace (incatenando amanti). Non è più il docile ragazzino amatissimo dai genitori, ora è un uomo duro, che lotta con se stesso per andare avanti, con qualcosa che lo turba profondamente. Lo vediamo scontrarsi con altri uomini, per futili motivi, in un locale gay, il Boys Paradise, dal quale viene cacciato, poi lo vediamo nell’ennesimo incontro casuale, questa volta però si tratta di una figura periferica del suo passato che gli ricorda un trauma che è certamente all’origine dei suoi dannosi comportamenti odierni…
Ottima le regia che ci fa percepire la vulnerabilità di questo macho moderno, creandoci l’ansia di scoprire cosa nasconde, facendoci entrare sempre più nei suoi panni, nell’attesa di una necessaria liberazione e rivelazione, un finale catartico e profondamente emotivo (che non sarà deludente anche per lo spettatore più esigente).
La bellezza di questo film pieno di grazia e sensibilità, un raffinato thriller psicologico, risiede anche, oltre ad un’ottima regia che prevede un futuro brillante per Christophe Charrier, nelle superlative interpretazioni dei quattro interpreti e nella splendida musica originale di Alex Beaupain, autore che ha composto le musiche per diversi film di Christophe Honoré.

synopsis

Boys (Jonas) is a mystery told in two separate timelines. In the first, it’s 1997 and Jonas is entering 9th grade. A new boy in school immediately catches his eye. Perhaps it’s the bad-boy scar on his cheek or his devil-may-care attitude, but Jonas is smitten. The two boys quickly become friends and before long are skipping class to kiss in an empty gymnasium. In the film’s other timeline, it’s 2015 and the excitement of a teenager in love has been replaced with the sorrow of a man who can’t escape the past. The adult version of Jonas (Félix Maritaud, outstanding in this year’s sexually graphic Sauvage and last year’s ImageOut favorite BPM) is a broken man. His boyfriend has thrown him out for cheating on him a few too many times, and he’s been arrested for getting into a fight at Boys, a local gay bar. There’s something about the bar that seems to set him off. He meanders through life still carrying that same old Game Boy, trying to fill a hole that can’t be filled. So what happened …


A powerful coming of age story with a French taste. Jonas (2018) is a TV movie that can beat at least thousands of other movies for the big screen. Its qualities such as depth, a good, mysterious story that slowly unfolds in front of your eyes, and of course our homo problems, that are waiting to be cleared off on a very long queue this time hit you straight in the heart without any superficiality. The characters are true to life and there isn’t stereotyping but pure acting as it should be. The movie operates with flashbacks exploring the youth and current days of Jonas, now a troubled 33-year-old guy who’s just been thrown out from his boyfriend, because of cheating. The missing segments start to make sense as the movie progress in a perfect aka “Weekend” cinematography. It will make you think about a few of your crushes most probably as it is a very intimate film. A must see!

(IMDB)

Condividi

Commenta


trailer: Jonas

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.