Jason and Shirley

Jason and Shirley
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer

Cast

Jason and Shirley

Il film vuole essere un dietro le quinte della pellicola, girata il 3 dicembre 1966 da Shirley Clarke nel suo appartamento (nel giro di sole 12 ore), “Portrait of Jason”, forse l’unico ritratto di un prostituto e tossicodipendente gay in epoca pre-Stonewall. Jason intervistato sulla sua vita, inizia a parlare di se stesso con una certa gioia e serenità che però man mano, conseguenza anche dell’alcol che gli viene fatto bere, si trasforma in qualcosa di triste e tragico. Il documentario fu acclamato e premiato per la libertà con cui parlava di sesso, droga e omosessualità. Tuttavia si chiacchierò molto su come Shirley e il suo compagno  Carl Lee, un brillante attore eroinomane afro-americano, sfruttarono Jason Holliday, coinvolgendolo anche in un triangolo amoroso, portandolo al limite di un crollo psicologico. Il film vuole essere la ricostruzione romanzata di quanto potrebbe esere accaduto in quella giornata. Soprattutto viene messa in rilievo la manipolazione programmata della Shirley, che si dimostra cinica, quasi machiavellica, al fine di ottenere quello che voleva, con l’intento di rendere il film più interessante, senza curarsi delle conseguenze su Jason. Jason a sua volta sembra disposto a tutto pur di ottenere il compenso che gli è stato promesso. Il film valorizza bene l’interpretazione di Jack Waters nel ruolo di Jason e pure Sarah Schulman è alquanto efficace come Clarke (nonostante un copione per niente gentile nei suoi confronti), ma complessivamente rimane ad un livello poco approfondito, senza aggiungere molto alle impressioni che si possono avere guardando il documentario originale.

synopsis

December 3, 1966, Oscar winning filmmaker Shirley Clarke invites Jason Holiday, a black gay hustler, drug addict and transient to her Chelsea Hotel penthouse in New York City to film him for 12 hours nonstop telling stories from his turbulent life. This became ‘Portrait of Jason,’ a pioneering documentary hailed for its unflinching look at race and sexuality. Yet some accused Shirley Clarke of exploitation, as she and her partner Carl Lee, a brilliant African American actor and heroin user, hint as a love triangle between the three of them, as they goad Jason into a terrible on-screen nervous breakdown. We go behind the scenes of that day, and tell the story from Jason’s intoxicated yet completely self-aware and surreal point of view.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


trailer: Jason and Shirley

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.