Italy in a Day

Italy in a Day
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (3 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Italy in a Day

Italy in a Day è l’edizione italiana, curata da Gabriele Salvatores, di un progetto di Ridley Scott: è stato chiesto agli italiani di inviare dei video realizzati con qualsiasi mezzo (telecamere, smartphones, fotocamere) da girare durante le 24 ore del 26 ottobre 2013. Desideri, sogni, paure, riflessioni, qualsiasi cosa considerata importante che accadeva quel giorno o anche, semplicemente, quello che si vedeva dalla finestra di casa. Italy in a Day è 44.197 video ricevuti, oltre 2200 ore di immagini, 632 video montati, una squadra di 40 selezionatori coordinati da Massimo Fiocchi e Chiara Griziotti. Italy in a Day è un diario emotivo, un censimento delle emozioni e dei pensieri degli italiani, una confessione laica, la voglia di condividere i propri sentimenti attraverso le immagini, un collettivo psicodramma italiano, di volta in volta tenero, arrabbiato, divertente o disperato. Ma anche una coinvolgente riflessione, sincera e senza filtri intellettuali, sul senso stesso di questo nostro viaggio sul pianeta Terra, in questi anni. Nell’epoca della comunicazione digitale, della condivisione istantanea, dello strapotere delle immagini Italy in a Day è il primo esperimento italiano di film collettivo, dove il materiale narrativo (le immagini e i pensieri) vengono forniti da chiunque ne abbia voglia e l’organizzazione del racconto è affidata a chi lo fa per mestiere. Non un social network, ma un social movie realizzato con passione, rispetto e senso di responsabilità, senza rinunciare a uno “sguardo necessario” e al punto di vista personale sulla realtà. (labiennale.org) Nel film, perchè a noi è sembrato un vero e proprio film con tantissime storie (anche se di un minuto) e interessanti personaggi, più che un documentario, abbiamo anche una coppia di genitori gay, sposati in Canada, padri di una bimba di tre anni alla quale hanno già insegnato quale dei due è il padre biologico. Anche se forse la bambina ci sembra ancora troppo piccola per poter capire a fondo queste cose, è comunque lodevole che i due genitori dimostrino di non voler nascondere nulla, di non avere segreti e di essere serenamente orgogliosi della loro famiglia. Purtroppo ci spiegano come l’Italia sia diversa dal Canada, dove là due papà gay sono considerati una coppia normale, mentre da noi non sono niente. Oltre a questa coppia gay ci sono anche altre figure di single che potrebbero essere omosessuali (stanze dipinte di rosa, culturismo casalingo, ecc.), a voi il piacere di scoprirli.

Condividi

Un commento

Commenta


trailer: Italy in a Day

Varie

Film uscito nelle sale il 23 settembre 2014 e trasmesso su Rai 3 il 27 settembre 2014

Commento del regista
Italia 2.0. Non credo nella democrazia diretta. Non credo neanche che il pubblico abbia sempre ragione. E non penso che basti avere una chitarra per essere un musicista. Per questo ho trovato molto emozionante, istruttivo e interessante questo esperimento, realizzabile solo oggi con i media di cui disponiamo. Sono stato quello a cui migliaia di persone affidavano il loro message in a bottle. Ci voleva rispetto, attenzione. Ma anche la coscienza del proprio ruolo. Raccontare la tua storia, anche se con le parole degli altri. Oggi, sommersi da qualsiasi tipo di immagine, non è forse il montaggio quindi il racconto, la vera anima di un film?

—————————–

Italy in a Day is the Italian version, directed by Gabriele Salvatores, of an idea of Ridley Scott. A number of people in Italy has been asked to send videos made with any device (videocamera, smartphone, photo camera) during the 24 hours of October 26, 2013. Desires, dreams, fears, remarks, anything believed of importance occurred that day or, also, simply what could be seen by looking out of the windows. Italy in a Day consists of 44,197 videos received, that is 2,200 hours of images, 632 edited videos, a team of 40 selectors organized by editors Massimo Fiocchi and Chiara Griziotti. Italy in a Day is an emotional diary, a census of the emotions and the thoughts of the Italians, a secular confession, the wish to share one’s feelings, an Italian psychodrama, some times tender, others angry or funny or desperate. It is also an involving honest remark, without intellectual filters, on the meaning of our communal trip on planet Earth in these years. In the digital communication era of the instant sharing and the hyper power of images, Italy in a Day is the first Italian experiment of a communal film in which the narration (both images and thoughts) is supplied by anybody wants to while the setup of the story is entrusted to professionals (editors, musicians and director). Not a social network but a social movie made with passion, respect and responsibility without giving up on a “necessary look” or a personal point of view on reality. (labiennale.org)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.