Intervista col vampiro

Intervista col vampiro
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (56 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Intervista col vampiro

I vampiri: creature maladette e splendide, dal sesso incerto, come quello degli angeli, ma decisamente più interessante. Il regista Neil Jordan (la moglie del soldato) ritrae il dramma dell’immortalità priva di senso ma travolta dalle più forti sensazioni. Splendide le interpretazioni degli attori, dall’affascinante Brad Pitt ad un perfido ed intensissimo Tom Cruise, dal tenebroso Antonio Banderas all’arrivista Christian Slater; luci, costumi, scene e musiche originali (inclusa Sympathy for the Devil dei Rolling Stones, eseguita dai Guns’n’Roses) contribuiscono a rendere questo film un’esperienza indimenticabile. Imperdibile per gli amanti del genere.

Condividi

4 commenti

  1. Soledad

    abbastanza una pagliacciata. Potevano metterci un po’ più d’impegno, dalla scelta degli attori a quella dei dialoghi. Su su, il libro era carino, possibile che sto film l’abbiano fatto solo per guadagnarci qualche soldino in più?

  2. quasi decadente,disperatamente sensuale,scene piene di allusioni di un erotismo sconcertante,copioso. tutto il film sembra pervaso di una tensione erotica latente che non può non andare di pari passo con la morte, così com’è descritta. Tom Cruise è una bomba. ogni sguardo, ogni mossa è semplicemente e puramente erotica

Commenta


Varie

A San Francisco alle soglie del 2000 il giornalista Mallory viene avvicinato da Louis De Point Du Lac, vampiro dal 1791, quando era un proprietario terriero presso New Orleans. Ridotto alla disperazione per la perdita della moglie e della figlioletta viene iniziato alla sua tenebrosa e ferina esistenza da Lestat, collega di origini parigine, che cerca invano di far superare al discepolo l’innata repulsione per l’omicidio. Invano Louis si ciba di sangue di ratti e galline, e fà fuggire i servi incendiando la casa. Ormai Lestat lo domina e lo coinvolge in efferate uccisioni di innocenti. Una bimba orfana, Claudia, viene “adottata” dai due e si rivela feroce quant’altri mai. La nascita degli Stati Uniti moderni e l’arrivo di un flusso immigratorio consente al trio di saziare la sua fame di sangue e di avventura. Claudia, che odia Lestat, gli fa bere sangue di morto, poi i due gettano il vampiro agonizzante nella palude, ma questi risorge cibandosi di un caimano: solo il fuoco sembra fermarlo. Louis e Claudia fuggono in Europa, dove si mettono alla ricerca delle radici della maledizione. Solo nel 1870 vengono avvicinati, a Parigi, da Armand, capo di una setta vampirica che vive nei sotterranei di un teatro dove si celebrano riti vampirici camuffati da commedia noir. I vampiri, sospettando l’uccisione di Lestat da parte dei due, sacrificano la bimba esponendola al sole con la sua nuova amica, una donna vampirizzata sul palcoscenico e chiudono in una bara sigillata Louis, che viene liberato da Armand. Louis si vendica bruciando la congrega, ma, scosso per la perdita di Claudia, rifiuta l’amore di Armand, che ha architettato tutto per averlo accanto. Tornato in America, Louis ritrova Lestat, ridotto in stato pietoso e al giornalista che gli chiede di iniziarlo alla sua tenebrosa esistenza risponde di no. Ma sarà Lestat ad accontentare il cronista sorprendendolo sulla sua automobile.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.