L'insostenibile leggerezza dell'essere

L'insostenibile leggerezza dell'essere
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT L
  • Media voti utenti
    • (2 voti)
  • Critica
Varie

Cast

L'insostenibile leggerezza dell'essere

Prima di vedere questo film leggete il libro omonimo di Milan Kundera.. Purtroppo il film non rivela tutta l’audacia e l’humor del romanzo, e risulta abbastanza freddo. Narra dell’invasione sovietica di Praga vista dagli occhi di un chirurgo donnaiolo che fa la fronda al regime. La moglie e l’amante, per lungo tempo curiose una dell’altra, quando si incontrano arrivano ad avere un rapporto sessuale (naturalmente nello spirito laico di una semplice “sperimentazione”). Film comunque piacevole e interessante.

Condividi

Commenta


Varie

Nel 1968 a Praga, Tomas, un brillante neurochirurgo, oltre che donnaiolo impenitente, ha sposato Tereza, una dolce e modesta cameriera di paese peraltro incapace di adattarsi ai suoi tradimenti. Nella notte in cui ha deciso di fuggire da lui, arrivano a Praga i carri armati sovietici. Tereza si dà a fotografare scene ed episodi: per aver consegnato un rotolo di negativo a dei turisti olandesi avrà noie con la polizia; anche Tomas, da tempo in odore di intellettuale frondista con velleità letterarie, dovrà vedersela con le Autorità. I due, riusciti ad allontanarsi in automobile faranno gli esuli a Ginevra, dove li ha preceduti Sabina, una ex innamorata di Tomas e amante del ginevrino Franz. Le due donne si conoscono da molto tempo e, malgrado la presenza del chirurgo, in fondo si vogliono bene. Tomas ha trovato lavoro come medico: il giorno in cui Tereza gli lascia un biglietto per dirgli che è stanca e se ne torna a Praga, egli decide di rimpatriare, poiché tutto sommato è lei che ama. A tutti e due sono stati ritirati alla frontiera i passaporti. Ora l’atmosfera è tetra, la repressione è cominciata. Tomas rifiuta di firmare una ritrattazione (sempre per quei suoi vecchi scritti letterari) e finirà con il perdere il posto all’ospedale. I due coniugi riparano in campagna, dove un contadino, che fu testimone alle loro nozze, li accoglie cordialmente. Una notte, dopo un’allegra festicciola in una locanda del paese, rientrando nella loro casa immersa nel bosco, in un incidente di macchina Tomas e Tereza perdono la vita. Sabina, che mai ha voluto cedere all’ideologia comunista, né rientrare in Patria, apprenderà la notizia negli Stati Uniti, dove è emigrata e vive ormai sola.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.