Holding Trevor

Holding Trevor
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (22 voti)
  • Critica
Guarda il trailer

Cast

Holding Trevor

Giovane, bello e intelligente, Trevor (lo sceneggiatore Brent Gorski) è in una fase di stallo. Imbrigliato in una vacillante relazione con Darrell, un tossicodipendente sulla via dell’autodistruzione, e in un poco appagante lavoro di televendite, Trevor trova magro conforto sulla scena dei scipidi party losangelini. Ancora peggio va con i suoi due migliori amici, il coinquilino Andie e il suo primo amore Jake (Jay Brannan di Shorbus), spinti ai margini dalla noia e dallo scontento. All’ospedale per l’ultima crisi da overdose del suo ragazzo, Trevor incontra una possibilità di cambiamento in Ephram, un ambizioso medico dal comportamento affabile e certamente di bell’aspetto. Dopo una romantica serata insieme, Ttrevor sembra deciso a qualche cambiamento. Inizia col chiudere la sua relazione con Darrell e si dedica a recuperare gli amici Andie e Jack. Ma quello che avrebbe dovuto essere un gioioso evento, una festa per celebrare un test negativo all’Hiv, si trasforma invece in un momento di rabbia e dolore. Darrell appare improvvisamente e fa una terribile scenata, Ephram intende che Trevor non è ancora libero per un impegno serio, e Andie, scioccato dalle irritanti rivelazioni, prende a calci Trevor già a terra. Sebbene contrastato da più parti, Trevor mantiene ferma la decisione di migliorare la sua vita. Comprendendo anzitutto che alcune persone sono troppo preziose per poterle abbandonare … (Frameline 2007)

Condividi

9 commenti

  1. thediamondwink

    Insipido, senza mordente necessario a farlo decollare, spesso un po troppe azioni forzate. Il tema dell’amicizia è stato affrontato, come al solito in questo genere di film, in modo imbarazzante e ridicolo. La storia d’amore all’interno, però, non è male, peccato per tutto il resto, si poteva fare di meglio sicuramente!!!

  2. film alla fine sull’amicizia e sulle cose importanti. è vero bisogna pensare a se stessi, realizzarsi, incontrare l’amore ma non si puo anche abbandonare i propri amici e questo Trevor, il protagonista lo sa. ottima interpretazione dei due principali protagonisti, uno il bel medico, dolce premuroso e protettivo, l’altro incerto, impacciato ma soprattutto altruista anche con chi non lo merita, vedasi l’esempio del suo ex tossico Darrell. per il resto ottimo film mi è davvero piaciuto. voto 8

  3. Descrive un ambiente decisamente ben connotato, la società dei giovani di Los Angeles a stretto contatto col mondo dello spettacolo , in cui la droga ha un ruolo dominante. Trevor , il protagonista, cerca una via di uscita : lasciare definitivamente il suo amante drogato e cercare affetti e amore vero. Ma la sensazione dominante per lo spettatore è che tutti i protagonisti siano dei manichini senz’anima , che vivono in un mondo plastificato senza vere emozioni e senza personalità. Bella la colonna sonora. Voto 6.

  4. Marco Mori

    difficile commentarlo a caldo. descrive un mondo geograficamente molto distante ma socialmente molto vicino a noi: feste, sopravvivenza, sesso. L’amore, quello vero fa paura… è una parola difficile da dire, soprattutto se si ama davvero. Ad un certo punto però, anche l’amore sognato deve fare i conti con i bilanci di una vita, stufa d’essere mera sopravvivenza. Da vedere e ricordare. Ps. in originale è veramente arduo senza sottotitoli.

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.