Hellbent

Hellbent
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (10 voti)
  • Critica

Cast

Hellbent

Inferno gay. Potrebbe essere uno scenario famigliare, tutto sommato. Se non fosse che in Hellbent la longa manus degli inferi non è una metafora. E’ vera. Rivisitando il genere classico del cinema dell’orrore, tra teste mozzate, diavolerie sanguinarie e spiriti impazziti, Hellbent è un ottimo esempio di come il cinema di genere, in questo caso l’horror, possa trovare fonte di nuove e infinte ispirazioni, semplicemente scegliendo come protagonisti un gruppo di amici gay. Effetti speciali e suspense fanno il resto. La storia ci racconta di una folle notte di Halloween festeggiato a West Hollywood da una banda di scalmanati, un manipolo di boni losangelini, frequentatori di quel circuito di house-party a base di droghe e sesso facile, già immortalato nel film Circuit di Dirk Shafer. Muscoli guizzanti, amplessi sudaticci ed eccessi di ogni tipo vengono triturati in un mix che non risparmia splatter, teste mozzate, falci saettanti e mostri che spuntano dagli stati di allucinazione. Si parte dal ritrovamento del cadavere di un giovane decapitato. Ma tra litri e litri di sangue rosso fuoco, le teste che saltano saranno più di una. Ricco di colpi si scena, scritto con ironia dal bravo esordiente Paul Etheredge-Ouzts, Hellbent non vi darà tregua. Chi è facilmente impressionabile approfitti dell’occasione per buttarsi tra le braccia del vicino. Possibilmente con la testa sulle spalle, ma questo va da sé. Un’esperienza cinematografica collettiva irripetibile. (cinemagaylesbico.com)

Condividi

2 commenti

  1. alonewolf

    Per quelli come me, cresciuti negli anni 90, che hanno nutrito la loro adolescenza con pane e horror, non è possibile non dare un’occhiata a questo film. Esperimento non banale, quello di uno slasher gay, ed è quasi sorprendente che nessuno ci abbia pensato prima, vista la componente (omo)erotica presente in questo genere. Purtroppo il risultato è inferiore alle aspettative, non tanto per la storia prevedibile (è una caratteristica comune al genere), ma per i personaggi poco accattivanti e una realizzazione tecnica approssimativa, con effetti speciali amatoriali e alcuni errori di montaggio troppo grossolani anche per un B-movie. Cosa ancora peggiore, non mette paura… Quindi se lo guardate per accoccolarvi tra le braccia del vostro amato, fingendo di avere paura, dovrete recitare bene la vostra parte. Perchè vederlo allora? Per apprezzare come anche noi gay siamo disposti ad affrontare i mostri per amore…

  2. De La Croix

    Il primo horror gay che io abbia mai visto…beh gli effetti speciali saranno costati 5 dollari (5.50 se ci mettiamo anche il caffè del regista!) e la trama è una boiata…però nel complesso non mi ha fatto tanto schifo! E’ singolare.

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.