Happy End?!

Happy End?!
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT LLL
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Happy End?!

Lucca (Sinha Melina Gierke) è all’ultimo anno delle secondarie, che sicuramente passerà con ottimi voti. Ha già assicurato un posto alla Harvard Law School. In un servizio della prestigiosa Eton-Law School, Lucca vede davanti a sè la prospettiva di una brillante carriera legale, come si attende anche il padre, un avvocato di successo. Ma nonostante queste ottime aspettative, a Lucca sembra mancare qualcosa e si sente prigioniera di una disperazione triste e silenziosa. Disgraziatamente una brutta notte viene erroneamente accusata di atti di vandalismo e condannata ad un servizio comunitario nel locale ospizio. Qui incontra Valerie (Verena Wüst Kamp), una ragazza determinata a soddisfare l’ultimo desiderio della sua amica Herma appena defunta, nonostante il parere contrario del figlio di Herma, interessato solo ad intascare l’eredità. Lucca rimane subito colpita dal vivace temperamento di Valerie e dalla sua dedizione verso le persone che ama, segno di un amore incondizionato verso la vita. Aiuterà Valerie a rubare le ceneri di Herma e insieme inizieranno un viaggio che cambierà totalmente la vita di Lucca, allontanandola da tutti i suoi programmi… La regista, qui al suo primo lungometraggi dopo diversi lavori con serie tv e due corti, ha dichiarato che il suo film vuole essere un aiuto per la comunità LGBT, per la tolleranza e l’apertura, nel motto “Non temere la differenza, può esserci tanta allegria in essa”, consapevole però che “crescere è talmente difficile che tante persone non ci riescono”.

Condividi

Commenta


trailer: Happy End?!

Varie

CRITICA:

Happy End?!, diretto da Petra Clever, è un film tedesco che sorprendentemente è altrettanto piacevole da leggere quanto lo è da guardare. Normalmente uno spettatore non di madrelingua tedesca potrebbe sentirsi disturbato dal dover essere costretto a far rimbalzare gli occhi avanti e indietro tra i sottotitoli e gli attori, e invece qui c’è così tanta poesia nei testi che io ero tentato di trascrivere ogni frase mano a mano che la leggevo e la sentivo recitata sullo schermo.
Lucca, interpretata da Sinha Melina Gierke, è una ragazza 18-enne in procinto di diventare studentessa di legge ad Harvard, con una vita (apparentemente) tutta pianificata, che però ama scrivere delle sue insicurezze in una maniera malinconica e creativa. Ogni spettatore entra facilmente in sintonia con Lucca, mentre lei è come seduta nervosamente ad un bivio, chiedendosi quali altre opzioni ci siano là fuori disponibili, oltre a quella di raggiungere lo studio legale di suo padre , ed alla fine ne trova una per conto suo.
Lucca legge a voce alta le parole che scrive sul suo pc portatile e noi che ascoltiamo, rimaniamo incantati dal suo inusuale talento per la descrizione. “Vorrei mostrare i miei veri colori, ma è il grigio che va per la maggiore in questo momento,” Lucca scrive: “Vorrei lasciare un segno, ma la terra rimane pulita.”
Lucca è rappresentata un momento prima del cambiamento, momento in cui ci si sente frustrati, infelici e insoddisfatti e si rimane incerti su quello che potrà avvenire dopo.
Per uno spiacevole malinteso Lucca è accusata di un atto illegale e viene condannata a prestare delle ore di lavoro per i servizi sociali, da passare in un ufficio presso un ospizio per anziani. I vari personaggi che lei incontra in quel luogo, le permetteranno di conoscere stili di vita molto diversi dal suo, tutti in contrasto con il destino che ora inizia a temere per se stessa. Attraverso questa esperienza riesce a conquistarsi la libertà da suo padre, che cercherà disperatamente e invano di mantenere Lucca all’interno del percorso prestabilito, la via più veloce verso Harvard.
Happy End?! è certamente un film LGBTQ, sebbene l’oggetto del film non riguardi diritti o problemi sociali connessi ai diversi orientamenti sessuali (anche se dal film ricaviamo la sensazione che le vecchie generazioni in Germania debbano ancora accettare pienamente le persone lesbiche). Happy End?! si concentra di più sui pensieri interiori e sul percorso emotivo di una giovane donna che cerca di trovare se stessa, rispetto ad altri film come “Appropriate Behavior” e “Out in the Night”, che tentano, in un certo senso, di riformulare i temi sociali legati al confronto tra culture e sessualità diverse.
Quando vediamo Lucca baciare Valerie, interpretata da Verena Wustkamp, una delle tante persone conosciute nell’ospizio, viene da chiederci se Lucca stia baciando davvero Valerie , oppure stia baciando l’idea che lei si è fatta di Valerie, il cui atteggiamento, tipo ‘prendi la vita per le corna’, è piacevolmente l’opposto dei principi con i quali Lucca è stata cresciuta. Il contatto fisico è reale ma di breve durata, perché per ragioni che poi scopriremo, il loro rapporto semplicemente non può durare.
Happy End?! Affronta il tema della morte metaforica; una vita vissuta meccanicamente senza molta convinzione, attraverso la causa e l’effetto di una morte reale. Verso la fine di Happy End?!, si inizia a ripensare alla propria vita e a che cosa significa essere veramente vivi, scegliere tra una vita pianificata per noi o perseguire invece ciò che veramente desideriamo.
Happy End?! è un film che può essere di ispirazione per coloro che sono ad un bivio, o per gli spettatori che non hanno ancora capito dove li sta portando il loro futuro. (Asia Morris. Lbpost.com, trad. R.M.)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.